Skip to main content

Francia: l’aborto è nella Costituzione. Il Parlamento approva la riforma a schiacciante maggioranza

La Tour Eiffel ha cominciato a scintillare per celebrare l’evento, mentre si illuminava la scritta ‘Mon corps, mon choix’, ‘Mio il corpo, mia la scelta’.

PARIGI – I medici non avranno più il diritto di esercitare l’obiezione di coscienza. La Francia diventa il primo Paese al mondo ad iscrivere esplicitamente il diritto all’Interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) in costituzione, una modifica della carta fondamentale approvata dalla schiacciante maggioranza dei membri del parlamento eccezionalmente riuniti in congresso a Versailles, la reggia del Re Sole, alle porte di Parigi. 780 i voti a favore. Solo 72 i contrari.

“Fierezza francese, messaggio universale”, ha scritto il presidente Emmanuel Macron su X dopo lo storico via libera, dando appuntamento ai cittadini l’8 marzo (Festa internazionale dei diritti della donna) alle ore dodici in Place Vendome a Parigi per celebrare “insieme l’ingresso di una nuova libertà garantita nella costituzione con la prima cerimonia di sigillatura aperta al pubblico”, dinanzi al ministero della Giustizia.

Sul totale dei 925 parlamentari aventi diritto, ad esprimersi per la revisione costituzionale sono stati 852: i voti a favore, come detto, sono stati 780, i contrari 72. La maggioranza necessaria per modificare la Costituzione, quella dei tre quinti del Parlamento, è stata ampiamente raggiunta. All’annuncio, un applauso lunghissimo – iniziato dalla presidente del Congresso riunito, la presidente dell’Assemblée Nationale Yael Braun-Pivet – è risuonato nella Salone dell’Aile du Midi del castello di Luigi XIV.

Contemporaneamente, sulla place du Trocadéro a Parigi, dove erano riunite migliaia di persone davanti a un maxischermo collegato in diretta con Versailles, è esplosa la gioia. Di fronte, la Tour Eiffel ha cominciato a scintillare per celebrare l’evento, mentre si illuminava la scritta sulla torre ‘Mon corps, mon choix’, ‘Mio il corpo, mia la scelta’.

Il diritto all’aborto è sempre “in pericolo”, alla “mercé di coloro che decidono” se riconoscerlo o meno, aveva avvertito il premier Gabriel Attal, secondo cui il voto riscatta “un debito morale” nei confronti di tutte le donne che “hanno sofferto sulla loro pelle”. Con questa modifica costituzionale, ha proseguito il premier nell’intervento prima del voto, la Francia sarà “pioniera, fedele alla sua eredità di Paese faro dell’umanità” e “patria dei diritti dell’uomo e anche e soprattutto dei diritti della donna”.

Nella votazione bipartisan, che ha riunito l’intero arco costituzionale, dall’estrema sinistra di Jean-Luc Mélenchon all’estrema destra di Marine Le Pen, è stata introdotta nell’articolo 34 la frase: “La legge determina le condizioni in cui si esercita la libertà garantita alla donna di far ricorso ad un’interruzione volontaria della gravidanza”. Per il sì era richiesta una maggioranza dei 3 quinti dei suffragi espressi, raggiunta senza difficoltà dopo il voto quasi unanime di Camera e Senato (493 deputati contro 30 e 267 senatori contro 50) nelle scorse settimane. La decisione di iscrivere nella Carta fondamentale la “libertà” di ricorrere all’aborto era stata annunciata da Macron un anno fa, nel marzo 2023.

Secondo Mathilde Panot, capogruppo di La France Insoumise (Lfi), tra le principali promotrici dell’iniziativa, l’odierno passo costituisce anche una “promessa per le donne che lottano ovunque nel mondo”. “Continueremo per quelle che resistono a Trump, Bolsonaro, Orban, Milei, Putin, Giorgia Meloni, senza dimenticare i mullah e i dittatori teocratici”, gli ha fatto eco la senatrice socialista, Laurence Rossignol, suscitando le standing ovation del congresso a Versailles.

Non sono mancate le critiche, a cominciare da quelle del Vaticano e della conferenza episcopale di Francia (Cef). La Pontificia Accademia per la Vita ha avvertito che “proprio nell’epoca dei diritti umani universali, non può esserci un diritto a sopprimere una vita umana”. Mentre in una nota diffusa in mattinata, i vescovi francesi hanno lanciato un appello al digiuno e alla preghiera.

“Il nostro Paese – secondo l’organismo guidato da Monsignor Eric de Moulins Beaufort – si onorerebbe iscrivendo piuttosto la promozione dei diritti delle donne e dei bambini. Di tutti i Paesi europei, la Francia è l’unico dove il numero di aborti non cala ed è anche cresciuto negli ultimi due anni. Preghiamo soprattutto affinché i nostri concittadini ritrovino il gusto della vita, di darla, di riceverla, di accompagnarla, di avere e di allevare dei bambini”.

Nel pomeriggio, diverse centinaia di manifestanti anti-abortisti si sono riuniti nei pressi della reggia, su iniziativa dell’associazione ‘Marche pour la Vie’, per protestare contro la riforma che, secondo sondaggi, avrebbe l’appoggio dell’80% dei francesi.

aborto, costituzione, francia


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741