Skip to main content

Firenze: a Palazzo Medici Riccardi una mostra celebra «L’incanto di Orfeo»

Tiziano, Orfeo ed Euridice

FIRENZE – Palazzo Medici Riccardi ospita da oggi, 20 marzo 2024, all’8 settembre la cospicua mostra «L’incanto di Orfeo», a cura di Sergio Risaliti e Valentina Zucchi, responsabile scientifico di Palazzo Medici Riccardi, nata da un progetto del direttore artistico del Museo Novecento, promossa da Città Metropolitana di Firenze e organizzata da MUS.E. Sono circa 60 opere d’arte dedicate a una delle più importanti e immortali figure del mito classico; dipinti e sculture, disegni e manoscritti, installazioni e film, che spaziano dall’antichità ai nostri giorni. Sono ordinate non secondo la loro cronologia, ma secondo quella del mito, dall’impresa degli Argonauti alla morte di Euridice al viaggio nell’aldilà per riportarla alla vita, dopo aver commosso con la musica le divinità infernali, alla perdita definitiva per la mancata osservanza del divieto di guardarla durante la risalita allo smembramento di Orfeo da parte delle baccanti (ma la sua testa, staccata dal corpo, continuerà a cantare..).

C’è uno splendido rilievo marmoreo neoattico con Orfeo, Euridice ed Hermes, proveniente dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che raffigura il secondo e definitivo distacco del cantore dalla sua amata – fonte d’ispirazione per il poeta Rainer Maria Rilke, autore dei Sonetti a Orfeo,ci sono opere di Tiziano, Parmigianino, van Honthorst, Bruegel il Vecchio, Rembrandt, Delacroix, Moreau, Redon, Feuerbach, De Chirico, Cocteau, Savinio, Melotti, Twombly e Paladino provenienti da prestigiose istituzioni culturali italiane e internazionali – dalle Gallerie degli Uffizi al Musée du Louvre di Parigi, dal Mart di Trento e Rovereto al Kunsthistorisches Museum e al Belvedere di Vienna, dal MANN e dal Palazzo Reale di Napoli ai Musées de Beaux-arts di Blois e di Marsiglia, dal Museo Nazionale del Bargello all’Accademia Carrara di Bergamo, dal Museo di San Marco alle Biblioteche Laurenziana e Riccardiana di Firenze – oltre che da collezioni private e grazie a una speciale collaborazione con l’Archivio del Teatro del Maggio Fiorentino (un altro posto che andrebbe visitato di più). Del Maggio ci sono alcuni bozzetti che Giorgio De Chirico approntò per l’Orfeo di Monteverdi messo in scena per il 12° Festival, nel 1949.

Una mostra che affonda le radici nei tempi più antichi del mito e ruota attorno alla figura multiforme e metamorfica di Orfeo, poeta, musico e cantore, compagno di viaggio degli Argonauti, sposo prima infelice e poi disperato di Euridice, inconsolabile vedovo dilaniato dalle Baccanti. La sua figura domina e risplende in Palazzo Medici Riccardi: il progetto espositivo nasce infatti dalla presenza del meraviglioso gruppo marmoreo di Orfeo che incanta Cerbero di Baccio Bandinelli – un tempo accompagnato da una lira, poi scomparsa – nel cortile principale del palazzo di via Larga, dedicando un’attenzione particolare al suo risalto a Firenze e dispiegando fra le sale le vicende del mito. Orfeo è stato infatti soggetto privilegiato dell’arte e della cultura fiorentina a fianco delle emblematiche figure di Ercole, David e Giuditta; presente già nel Quattrocento in una delle formelle di Luca della Robbia del Campanile di Giotto, il figlio della musa Calliope e del re della Tracia Eagro (o di Apollo, secondo altre versioni del mito) ebbe un posto di particolare rilievo nello studio e nell’interpretazione della classicità in età rinascimentale, con sottolineature letterarie, filosofiche e politiche. Tale interesse – che si sviluppò proprio intorno a Cosimo il Vecchio e a Lorenzo il Magnifico grazie agli artisti, ai letterati, ai pensatori e ai poeti vicini ai Medici – è testimoniato da una molteplicità di opere.

A questa straordinaria stagione di filologia e di sperimentazione delle arti e delle lettere risale per esempio la teatrale Fabula di Orpheo di Agnolo Poliziano, stretto amico del Magnifico e traduttore in latino anche delle Argonautiche orfiche, presente in mostra grazie a un prezioso esemplare di entourage mediceo (Biblioteca Riccardiana), affiancato peraltro da una raffinata silloge miniata degli Inni orfici del Quattrocento maturo, segno dell’interesse culturale e religioso maturato nello stesso periodo in ambito neoplatonicoFurono Marsilio Ficino, Pico della Mirandola, Cristoforo Landino a riconoscere in Orfeo uno dei padri fondatori della prisca philosophia – incrocio sapienziale di teologia, filosofia e poesia – e a dedicarsi alla lettura sia degli Inni Orfici che delle fonti antiche, tra cui Virgilio e Ovidio, oltre a Platone, interpreti e divulgatori classici delle vicende di Orfeo dopo le prime più frammentarie testimonianze (basti pensare ai riferimenti dei grandi Eschilo ed Euripide).

Il richiamo di Orfeo nell’entourage mediceo riemerse agli inizi del Cinquecento quando il colto papa Leone X, grazie all’intermediazione del cardinale Giulio de’ Medici, governatore di Firenze, commissionò a Baccio Bandinelli la statua oggi conservata nel cortile del palazzo, perno di questa mostra, emblema di pacificazione e concordia nel delicato clima di restaurazione medicea in città. Perfino Cosimo I de’ Medici non sfuggì al fascino di Orfeo e volle farsi ritrarre da Agnolo Bronzino nelle sue vesti, trasferendo idealmente su di sé il potere ammaliatore e civilizzatore appartenuto al poeta tracio. Ovidio racconta infatti che il suo canto, accompagnato dalla sua kithara, riusciva ad ammaliare le fiere e gli alberi ma anche ad attirare a sé le pietre, conducendo ad armonia e soavità l’intero mondo terreno: non è un caso che fra le sue prime imprese, narrate da Apollonio Rodio nelle Argonautiche, Orfeo riesca a incantare financo le Sirene, e che persino le Furie sentirono per la prima volta inumidirsi le guance per il suo canto. 

Vicino al dio Apollo – a lui si deve il dono della preziosa lira – Orfeo è sin dalle origini prossimo anche a Dioniso e ai culti misterici, conoscitore dei segreti della natura e dell’anima, aderente al mondo conio e ai suoi misteri, in grado persino di attraversarne le viscere: lo si descrive come psicopompo, essendosi addentrato nel regno delle tenebre per cantare davanti ad Ade e Persefone, con la preghiera di riportare in vita la sua sposa Euridice. La definitiva perdita di Euridice sulla soglia della luce, non avendo resistito a rivolgerle lo sguardo, è fra le immagini più note della civiltà occidentale, infinitamente rappresentata e interpretata: è l’Euridice la prima opera che si conosca, un melodramma musicato da Jacopo Peri e da Giulio Caccini su libretto di Ottavio Rinuccini e il cui libretto è esposto in mostra; la “prima” fu a Palazzo Pitti nel 1600, in occasione delle nozze tra Maria de’ Medici ed Enrico IV di Francia; l’eco di questo evento fu tanto grande da ispirare celebri sculture dedicate a Orfeo, tra cui l’ammiratissima opera di Pierre de Franqueville, realizzata per il fiorentino Girolamo Gondi in Francia, poi trasferita nientedimeno che a Versailles e presente nella mostra. 

Orfeo è figura complessa e archetipica, cantore e musico ma anche sacerdote di sacri misteri, traghettatore delle anime; dietro al velo delle sue parole si nascondono sapienza, verità gnostiche, rivelazioni ermetiche. Egli non muore definitivamente dilaniato dalle Baccanti, che non apprezzarono di essere rifiutate dopo la morte di Euridice; il mito di Orfeo attraversa il tempo, da Monteverdi al Settecento al Romanticismo, quando si accentuano gli aspetti sublimi dell’amore tra Orfeo e Euridice (è sufficiente apprezzare, in mostra, lo struggente dipinto di Ary Scheffer), assieme a quelli oscuri, tenebrosi della mitica discesa nell’Ade e perturbanti della sua fine violenta; diviene oggetto di interesse col Simbolismo, suscitando l’ammirazione di RedonMoreau e Apollinaire, che farà rinascere  Orfismo ed Ermetismo a Parigi. Non minor fascinazione eserciterà Orfeo su Jean Cocteau, che gli dedicherà molti disegni, un’opera teatrale e soprattutto due film, Orfeo del 1950 e Il testamento di Orfeo del 1959. E dall’orfismo sarà affascinato anche Igor Stravinskij, che nel 1947 comporrà uno struggente Orpheus, affiancato dal coreografo George Balanchine. Un magnetismo a cui cederanno anche artisti come Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, Fausto Melotti ed Ettore Colla, le cui opere sono esposte in mostra, ma anche poeti come il già citato Rilke e Dino Campana, a testimoniare le molteplici rinascite di Orfeo e dell’Orfismo, giunte fino ai nostri tempi visto che Calvino, Pavese, Bufalino si sono cimentati con la sua storia, mentre un cantautore di oggi, Roberto Vecchioni, sembra volerci ricordare che: “ogni volta sempre è Orfeo quando c’è canto” (R.M. Rilke).

La mostra permette di ripercorrere e attraversare il mito di Orfeo grazie a una ricca selezione di capolavori dell’arte di ogni tempo, a cominciare dal bellissimo dipinto di Gerrit van Honthorst, assunto a icona della mostra. Fra le sale si snodano quindi le sue avventure con gli Argonauti e si diffonde il potere del suo canto, in grado di ammaliare gli animali più vari, fino alla morte di Euridice, morsa dal serpente e pianta dal poeta – esemplificata dai superbi dipinti di Tiziano, Delacroix e Moreau – fino alla scenografica discesa agli Inferi, al successivo ritorno sulla terra (potentissima ne è l’interpretazione di Anselm Feuerbach) e alla seconda perdita dell’amata, al suo ultimo canto e alla furia bestiale delle Baccanti, testimoniata dalla testa decapitata di Orfeo di Odilon Redon. 

Alle opere figurative saranno accostati preziosi manoscritti provenienti dalla Biblioteca Riccardiana e dalla Biblioteca Laurenziana – fra cui, oltre agli esemplari già citati, una versione istoriata delle Metamorfosi di Ovidio, di ambito mediceo e annotata da Poliziano – e saranno ricordate anche le opere in musica ispirate al mito di Orfeo, evidenziando come esso abbia permeato i diversi ambiti culturali nei tempi ponendosi come figura emblematica non solo della civiltà classica ma anche di quella rinascimentale, moderna e contemporanea. Una speciale sezione della mostra è dedicata alle scenografiefigurini e maschere di artisti che hanno collaborato con il Maggio Musicale Fiorentino, esemplificate in mostra dalle superbe creazioni di Giorgio De Chirico. 

In occasione della mostra sarà realizzato un volume, edito da Silvana, con saggi dei curatori e di autori specialisti in varie discipline, per restituire al pubblico la vastità degli argomenti e delle molteplici riflessioni e interpretazioni del mito in arte, letteratura, musica, filosofia, cinema e teatro.  

(diffusione foto ufficio stampa)

Arte, Firenze, mitologia, mostre, Musica, Orfeo, Orfeo ed Euridice, palazzo medici riccardi, pittura, scultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741