Skip to main content

Strage di Suviana: le vittime sono 7. Recuperato il corpo dell’ultimo disperso. La scatola nera in mano agli inquirenti

BOLOGNA – Le vittime della strage di Suviana sono sette. E’ stato recuperato anche il corpo dell’ultimo disperso: si tratterebbe del 68enne napoletano Vincenzo Garzillo. Ed è fuori pericolo di vita l’operaio di 35 anni, ricoverato in rianimazione al Sant’Orsola di Bologna, ferito dopo l’esplosione.

La scatola nera della centrale di Suviana è in mano all’autorità giudiziaria. Lo ha detto l’ad di Enel Green Power, Salvatore Bernabei, in conferenza stampa: “Tutte le centrali hanno un sistema di supervisione e controllo che si chiama Scada. In questa centrale si trovava nei piani superiori. Questo sistema è già stato preso dall’autorità giudiziaria e quindi se avrà registrato qualcosa si vedrà nel momento in cui verrà esaminato”.

Se il sistema avrà registrato qualcosa “quell’analisi potrà essere utile per capire le cause, perché altrimenti attualmente non è davvero possibile che cos’è successo”. Anche i piani più alti, tuttavia, hanno riportato alcune conseguenze dall’esplosione.

Al lavoro, impegnati nelle ricerche, vi sono circa 200 persone, concentrate soprattutto al piano meno 9 dell’impianto, sotto il livello del lago, dove ieri sono state trovate tre vittime.

L’ad di Enel Green Power, Salvatore Bernabei, visibilmente emozionato in conferenza stampa, ha detto: “Vorrei citare Simone De Angelis, il capo centrale. Questo ragazzo ha visto la centrale in cui lavorava in queste situazioni, ha visto subito alcuni deceduti che conosceva, persone con cui lavorava tutti i giorni, per tre giorni è stato coi sommozzatori guidando le operazioni di soccorso, centimetro per centimetro i sommozzatori che si muovevano in un ambiente in cui non c’era visibilità. Appena trovato il quarto disperso ha avuto un mancamento ed è stato portato via dall’ambulanza”.

Finito il momento del recupero dei dispersi, si apre la fase due dell’intervento, che prevede di togliere l’acqua e mettere in sicurezza la struttura anche per permettere l’avvio delle perizie.  Questa fase avrà numerosi passaggi. “C’è un pozzo che contiene dell’acqua, stiamo facendo delle analisi per capire che cos’ha dentro”, ha detto l’ad di Enel Green Power Salvatore Bernabei. Per quanto riguarda lo svuotamento del piano allagato, “adesso che i sommozzatori non stanno più giù potremo mandare le idrovore al massimo della capacità”. Le perizie arriveranno ancora dopo: “Attualmente non si può accedere in tutta la parte dell’impianto”.

scatola nera, strage di Suviana, ultimo disperso


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741