Skip to main content

Giro d’Italia 2024: impresa di Pogacar, vince in solitaria a Livigno. Maglia rosa blindata

Un altro show, firmato Pogačar e colorato di rosa (FB Giro d’Italia)

LIVOGNO – Tadej Pogacar trionfa nella tappa più dura dell’edizione 2024 del Giro d’Italia, da Manerba del Garda al Mottolino di Livigno, 222 km con 5400 metri di dislivello. Lo sloveno attacca a poco più di -13 km dall’arrivo e divora gli sparuti ciclisti che si erano portati intesta fino ad allora. In poco più di un chilometro, Pogacar riprende e salta Covili, Gescke, Piganzoli e altri, mentre davanti Nairo Quintana stacca Georg Steinhauser che fin ad allora era andato vian in fuga con lui. 

Pogacar supera il tedesco della Edf, si mette a caccia di Quintana fin dall’ultima ripida discesa che porta a Livigno e lo supera ai -2 km, andando a tagliare il traguardo da solo, mette il suo timbro sul Giro d’Italia e da assoluto favorito ne diventa ufficialmente il padrone dopo l’impresa di oggi. Secondo Nairo Quintana (Movistar Team) a 30″, terzo Georg Steinhauser (EF Education – EasyPost).

Per Pogacar è la quarta vittoria al Giro d’Italia dopo i tre successi, sempre in questa edizione, a Oropa, nella cronometro di Perugia e a Prati di Tivo.

Ordine di arrivo

Questo l’ordine d’arrivo della quindicesima tappa del Giro d’Italia 2024, la Manerba del Garda – Livigno (Mottolino) di 222 chilometri: 1. Tadej Pogacar SLO (UAE Team Emirates) in 6h11’43” 2. Nairo Quintana COL (Movistar) a 29″ 3. Georg Steinhauser GER (EF Education-EasyPost) a 2’32” 4. Romain Bardet FRA a 2’47” 5. Daniel Martinez COL a 2’50” 6. Geraint Thomas GBR s.t. 7. Einer Rubio COL a 2’58” 8. Ben O’Connor AUS s.t. 9. Thymen Arensman NED a 3’05” 10. Jan Hirt CZE a 3’20”.

Giro d'Italia 2024, livigno, maglia rosa, tadej pogacar


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741