Skip to main content

Elezioni in Toscana: il giornalista Paolo Mori sindaco di Casciana-Lari. Santa Croce va a destra. Ballottaggi a Pontedera e S.Miniato

Paolo Mori neo sindaco di Casciana Terme Lari (foto dal suo profilo social)

PISA – Roberto Giannoni di Fratelli d’Italia è il nuovo sindaco di Santa Croce sull’Arno (Pisa), comune capoluogo del ricco distretto industriale del Cuoio e dove governava il Pd della sindaca uscente Giulia Deidda, che è indagata insieme ad altri politici Dem nell’inchiesta della Dda di Firenze per reati ambientali, tra cui l’illecito smaltimento dello scarto tossico delle concerie ‘keu’. Giannoni ha superato di soli 39 voti la candidata del centrosinistra Mariangela Bucci. L’inchiesta giudiziaria, che ha caratterizzato l’intera campagna elettorale del centrodestra, potrebbe anche avere condizionato l’esito del voto.

Il giornalista Paolo Mori, con una lista civica sostenuta anche dal centrodestra, è il nuovo sindaco di Casciana Terme Lari (Pisa) e il primo di centrodestra del Comune nato dalla fusione di dieci anni fa che da allora è sempre stato governato dal centrosinistra. Per il Bene Comune, la lista di Mori, ha ottenuto il 36,8% dei consensi e ha distanziato gli avversari approfittando anche delle loro divisioni interne. Per il Comune della Valdera, infatti, che conta 12.200 abitanti, erano in lizza ben quattro candidati a sindaco, di cui tre che pescavano nell’elettorato storicamente di sinistra o di centrosinistra. 

Matteo Cecchelli, sostenuto dalla coalizione di centrosinistra (composta da Pd, Lista civica San Giuliano Terme Futura, Immagina San Giuliano Terme e Sinistra unita), è il nuovo sindaco di San Giuliano Terme, che a pochissime sezioni dalla fine si attesta intorno al 65%. Una campagna elettorale lunga e molto partecipata dal centrosinistra “che ha messo sulla piazza del confronto politico i temi che più sono utili alla collettività, con un programma fatto di proposte nate dagli incontri con i cittadini fatti negli scorsi mesi, perché prima di tutto viene il bene della comunità”.

Ballottagio a Pontedera (Pisa). La sfida è tra l’uscente Matteo Franconi (Pd) e il candidato di Fratelli d’Italia, Matteo Bagnoli. Al primo turno il primo cittadino uscente si ferma a un passo dal traguardo con il 49,3% dei consensi e un vantaggio di 1600 voti sullo sfidante al 37,93%. Il duello tra i due sfidanti è la riedizione di quello di cinque anni fa quando anche in quell’occasione Franconi prevalse al secondo turno per una manciata di voti. Il centrodestra, dunque, ci riprova e spera di intercettare consensi tra gli elettori di altre liste, in particolare di una civica centrista, ma anche recuperando tra chi al primo turno ha preferito restare lontano dalle urne.

Ballottaggio decisivo anche a San Miniato, dove il candidato del Pd, il sindaco uscente Simone Giglioli, non va oltre il 40% dei voti e dovrà confrontarsi al secondo turno con il candidato di centrodestra Michele Altini (Forza Italia) che si ferma al 29,7% con un ritardo di 1500 voti. Corsa sul filo di lana, infine, a Ponsacco, dove il candidato del Pd, Fabrizio Lupi, avanti con il 41,2% dovrà difendersi da Gabriele Gasperini (Fdi, Lega, Forza Italia), che si attesta al 30,57%, ma può conquistare consensi dal terzo sfidante, il civico Federico D’Anniballe che si è fermato al 28,2%.

Casciana Terme Lari, Paolo Mori, pontedera, San Giuliano, san miniato, santa croce sull'arno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741