Skip to main content

Montepulciano: al via con l’ORT il 49° Cantiere Internazionale d’Arte

Il concerto di chiusura in Piazza Grande del 2023 (foto ufficio stampa)

FIRENZE – Al via venerdì 12 luglio con l’ORT diretta da Lonquich il 49° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano: con venti prime assolute, per lo più commissioni del Cantiere, quattro orchestre fra cui Orchestra Haydn, Orchestra della Toscana (ORT), Giovanile Italiana e Camerata Strumentale di Prato, con i due giovani Direttori, Artistica e Musicale, Mariangela Vacatello e Michele Gamba, impegnati su più palchi come interpreti, il Cantiere Internazionale d’Arte si conferma come una delle realtà più creative, trasversali, sperimentali, divulgative e coraggiose d’Europa, a vero sviluppo delle idee rivoluzionarie di Hans Werner Henze, precursore del nuovo spirito di tanti festival di oggi.

Da venerdì 12 luglio si entra subito nel vivo dell’inesausta creatività del Cantiere 2024, con le Installazioni Sonore di Opificio Sonoro dedicate a Materia e Memoria, quindi con l’immancabile programma per bande che sottolinea la potente vena didattica del Cantiere in tal senso attivo tutto l’anno e con il grande concerto d’apertura in Piazza Grande a Montepulciano che impegna l’Orchestra della Toscana guidata da Alexander Lonquich, pianista, direttore d’orchestra, ma soprattutto finissimo intellettuale tedesco legato all’Italia e alla Toscana ormai da decenni. Con lui la pluripremiata violinista ventenne Angela Tempestini, talento in crescita presso la scuola fiesolana con un impaginato tra Mendelssohn e Schubert, autore quest’ultimo su cui Lonquich viene considerato artista di assoluto riferimento.

Già da sabato 13 inizieranno poi le tradizionali scorribande musicali e performance tra arte e natura nel territorio per chiudere la giornata nel settecentesco Teatro Poliziano con la nuova produzione operistica del Cantiere, El Retablo de Maese Pedro, opera in un atto di Manuel de Falla arricchita dall’ouverture commissionata al compositore Stefano Pierini Imágenes errantes per baritono e orchestra, con l’Orchestra Camerata Strumentale di Prato diretta da Michele Gamba, oggi uno dei giovani direttori più richiesti a partire dalla Scala di Milano fino al Metropolitan di New York, qui al suo debutto nella doppia veste di Direttore Musicale ed eclettico artista. Presentata per la prima volta a Siviglia nel ’23, El Retablo de Maese Pedro è opera rarissima, ispirata a De Falla dall’amico Garcia Lorca, grande appassionato ed egli stesso impresario di spettacoli di marionette da cui l’ambientazione dell’opera, che unisce in impeccabile equilibrio la tradizione popolare spagnola dal Medio Evo al Novecento con un effetto di grande presa emotiva. Regia, scene, costumi e luci sono del collettivo Anagoor, nato nel 2000 per dare voce a forme teatrali in cui performing art, filosofia e scena ipermediale dialoghino con libera creatività.

Si aprirà poi il percorso tutto al femminile creato dalla pianista e Direttrice Artistica Mariangela Vacatello per il suo debutto al Cantiere con Io, Anna Dostoevskaya, melologo su musiche per pianoforte solo di Rachmaninov eseguite da Vacatello e con testo e voce recitante di Maddalena Maggi, attrice cinematografica e teatrale, nonché regista, già di affermata popolarità.

Michele Gamba tornerà invece sul podio dell’ensemble appositamente pensato per un’originale produzione scenica del Pierrot Lunaire di Arnold Schönberg, poi nei tre appuntamenti della Serie Mozart – Amadeus e le virtuose, con l’Orchestra Giovanile Italiana e al pianoforte una parata delle migliori pianiste italiane quali Leonora Armellini, Mariangela Vacatello, Chiara Biagioli, Antonia de Pasquale, Alessandra Ammara, Serena Valluzzi: in questo caso sono state commissionate nuove cadenze a giovani compositori dell’Accademia Santa Cecilia, mentre il progetto illuminotecnico è affidato ai talenti del Guido Levi Lighting Lab. Tra concerti di musica da camera, spesso con le formazioni della Orchestra Giovanile Italiana, lo spettacolo di teatro musicale Oz. Il Mago della Città di Smeraldo della Nuova Compagnia degli Arrischianti e un ampio percorso di musiche per organo che valorizzerà gli strumenti del territorio, spicca il ritorno della Compagnia Cantiere Danza con lo spettacolo Gershwin Postcards con la coreografia di Mauro de Candia, Manuel Magrini e Enrico Mirabassi al pianoforte e il celebrato jazzista Gabriele Mirabassi al clarinetto, con il coordinamento artistico di Azzurra Di Meco e il sostegno di Arte&BallettO.

L’intrigante appuntamento con il mito intramontabile di Diego Armando Maradona Sinediez, musica per piedi innamorati si terrà nel medievale chiostro della Fortezza di Montepulciano su testo di Stefano Valanzuolo e musiche dal jazz a Lucio Dalla.

E ancora il Canto Latino con la celebrata voce del soprano Gemma Bertagnolli e un’insolita Serie Händel di cui Adriano Falcioni eseguirà i concerti per organo e orchestra in due serate consecutive nel monumentale Tempio di San Biagio con l’Orchestra Poliziana e le corali locali, dirette da Alessio Tiezzi. Per la musica contemporanea la prima assoluta dell’opera da camera di Alessandro Solbiati Il n’est pas comme nous e i concerti affidati ad Opificio Sonoro diretto da Marco Momi.Infine il rituale Concerto di Chiusura domenica 28 luglio in Piazza Grande a Montepulciano con l’ottima Orchestra Haydn in coproduzione con Fondazione Haydn, Mariangela Vacatello al pianoforte e Michele Gamba sul podio, per una nuova direzione artistica e musicale che non si spende solo nella creatività ed organizzazione, bensì entra nel vivo dell’azione con le proprie competenze e la propria esperienza d’artisti consolidati e stimati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741