Primo piano

Per la Prefettura il pericolo è cessato

San Casciano, ordigni bellici: tornano a casa le famiglie evacuate

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Politica

Concluse oggi le operazioni, coordinate dalla Prefettura di Firenze, per la messa in sicurezza dei 21 ordigni bellici rinvenuti a San Casciano Val di Pesa. Le persone evacuate sono potute rientrare nelle loro abitazioni. Via Borromeo rimane al momento interrotta perché devono essere effettuati alcuni lavori di sistemazione, considerato che gli scavi per il reperimento degli ordigni sono stati profondi.

La vicenda ha avuto inizio lo scorso 10 dicembre quando sono stati rinvenuti in via Borromeo a San Casciano Val di Pesa, durante i lavori per nuove tubature idriche, numerosi proiettili di artiglieria, risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. A seguito del ritrovamento, la Prefettura ha dato avvio alla procedura per l’identificazione degli ordigni e l’autorizzazione al successivo brillamento. Sul posto sono intervenuti subito i Carabinieri di San Casciano, la polizia locale dell’Unione comunale del Chianti fiorentino, la Protezione civile, la Misericordia di San Casciano, un’equipe del servizio di emergenza del 118 e la Racchetta Associazione Onlus. Per la sicurezza e la tutela dell’incolumità pubblica il sindaco ha adottato due ordinanze: una per la chiusura temporanea della viabilità comunale al transito veicolare e pedonale fino al termine delle operazioni di bonifica dell’area, con indicazione del percorso alternativo; l’altra per l’evacuazione di 147 persone residenti in un raggio di 150 metri dal sito del ritrovamento. Sul posto sono poi intervenuti gli artificieri del Reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore (Bologna) che dapprima hanno effettuato le operazioni per capire la tipologia di intervento più idonea al disinnesco e quindi oggi hanno trasportato gli ordigni in un luogo idoneo dove verranno fatti brillare in sicurezza.

Realizzato da Silfi

Firenze, piazza Santissima Annunziata: gioco di luci illumina il loggiato degli Innocenti

di Gilda Giusti - - Cronaca, Cultura, Economia, Eventi, Primo piano, Tecnologia

All’inaugurazione erano presenti: Maria Grazia Giuffrida, presidente dell’Istituto degli Innocenti; Matteo Casanovi, presidente di Silfi spa; Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale della Toscana; Sara Funaro, assessora all’Educazione del Comune di Firenze; Giovanni Palumbo, direttore generale dell’Istituto degli Innocenti; Manuela Gniuli, direttoregenerale di Silfi spa

Sabato 14 dicembre dalle 21

Firenze: all’Auditorium F.L.O.G. la finalissima del Rock Contest 2019

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Spicca, a differenza dello scorso anno, la presenza di voci femminili, con ben quattro band su sei capitanate da musiciste. Insieme ci sono il concerto de Sick Tamburo e il reading di Max Collini. In giuria Vasco Brondi, Andrea Appino degli Zen Circus, Paolo Benvegnù, Rachele Bastreghi dei Baustelle, Diodato, Francesco Magnelli ex-CSI e Litfiba, Max Collini, oltre ai giornalisti John Vignola di Rai Radio Uno, Giulia Cavaliere di Sky e Rolling Stone, Damir Ivic per Soundwall e Federico Russo di Radio Deejay

Il report medico

Fiorentina: Ribery sarà operato alla caviglia. Brutta notizia prima del match con l’Inter

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Primo piano, Sport, Top News

L’attaccante della Fiorentina è stato sottoposto in data odierna a controllo specialistico alla caviglia destra, visto il persistere della sintomatologia dolorosa in alcune situazioni di carico. Al fine di risolvere il problema e rendere più rapidi i tempi dell’ attività agonistica è stato proposto un trattamento di stabilizzazione chirurgica

Un grande fotoreporter

Giornalisti: a Massimo Sestini il premio comunicatore toscano 2019

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Eventi

Corecom: a Massimo Sestini il premio comunicatore toscano 2019. Il grande fotoreporter è stato insignito del riconoscimento in sala Gonfalone. Inaugurata anche la sua mostra Istanti dal cielo. Enzo Brogi: «Con il suo sguardo ha raccontato momenti importanti della nostra storia». Eugenio Giani: «Una personalità straordinaria e di grandissima professionalità»

Da sabato 14 dicembre a domenica 5 gennaio, per sei recite

Firenze: al Teatro del Maggio Musicale torna «La bohème» di Giacomo Puccini

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

A interpretare Mimì il 14 dicembre il soprano Jessica Nuccio, già ascoltata al Maggio nello stesso ruolo, in quello di Violetta ne «La Traviata» e di Gilda in «Rigoletto» (solo per le recite del 17 dicembre e del 3 gennaio ne prenderà il posto Eva Kim Maggio). Rodolfo è interpretato da Francesco Galasso (Alessandro Scotto di Luzio il 21 dicembre e il 5 gennaio). Alessandro Luongo è Marcello, Min Kim impersona Schaunard. Orchestra e coro del Maggio diretti da Francesco Ivan Ciampa