Scontro totale con l'amministrazione di Palazzo Vecchio

Firenze: taxi in sciopero mercoledì 21 ottobre. Dura replica dal Comune

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Alcuni taxi regolari in sosta nella pizza del Duomo

Taxi Firenze

FIRENZE – Scatta la «serrata» dei tassisti. Fra due settimane, mercoledì 21 ottobre si svolgerà infatti a Firenze lo sciopero dei taxi: lo ha stabilito oggi 7 ottobre l’assemblea di tutte le sigle che raccolgono le auto bianche attive nel capoluogo toscano.

La decisione arriva dopo la rottura delle trattative con il Comune sull’aumento del numero delle licenze, prospettiva fortemente osteggiata dai tassisti ma che Palazzo Vecchio ha «blindato» con un’apposita delibera di giunta, lunedì prossimo al vaglio del Consiglio comunale, per arrivare all’attivazione di 100 nuove licenze, delle quali 70 permanenti e 30 a titolo temporaneo.

L’indisponibilità dell’amministrazione a tornare sui suoi passi ha spinto i tassisti (che già nelle scorse settimane avevano dichiarato lo stato di agitazione) ad abbandonare il confronto e dare vita a uno sciopero.

Le auto bianche fiorentine accusano Palazzo Vecchio di «un iperdecisionismo fine a sé stesso – hanno spiegato questo pomeriggio i tassisti annunciando la protesta – gli operatori del settore avevano offerto la propria disponibilità a investire oltre un milione di euro per risposte immediate alle criticità della mobilità. Non sono i tassisti a far saltare una trattativa che sembra più uno spot che non una reale soluzione, ma il Comune che con questo atto si assume la responsabilità di deridere dei lavoratori. Oggi siamo arrivati alla goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo».

AGGIORNAMENTO ORE 20.20

Se i tassisti fiorentini daranno concretamente vita allo sciopero annunciato per il 21 ottobre, il Comune di Firenze ritirerà la sua piattaforma di trattativa in 12 punti: l’effetto principale di questa «mossa», sarà quello di far sì che vengano attivate 100 licenze fisse, e non più 70 fisse e 30 temporanee, come ottenuto in sede di confronto con Palazzo Vecchio dalle auto bianche. E’ quanto si spiega da Palazzo Vecchio dopo l’annuncio dello sciopero. Le nuove licenze rilasciate resteranno comunque vincolate ad auto elettriche, così come annunciato dal Comune nelle scorse settimane.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.