La legge promuove la parità di genere

Elezioni regionali: donne il 40% dei consiglieri

di Ezzelino da Montepulico - - Cronaca, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa

elezioni

ROMA – Ulteriore paradosso della nostra legislazione. Indipendentemente dalle loro capacità le donne dovranno occupare il 40% degli scranni dei Consigli regionali. Via libera dunque alle quote rosa obbligatorie: dalle prossime elezioni regionali quasi metà dei consiglieri dovranno essere donne. Lo stabilisce la legge che è stata definitivamente approvata ieri dalla Camera con 334 sì, 91 no e 21 astenuti. Contro il testo hanno votato Lega, M5S e Ala, mentre Fdi, Conservatori e riformisti si sono astenuti. Il testo approvato a Montecitorio prevede tre diversi casi, a seconda del tipo di legge elettorale in vigore nelle regioni. Ove la legge elettorale preveda le preferenze, allora in ciascuna lista i candidati di un sesso non dovranno essere più del 60% del totale. Inoltre deve essere «consentita l`espressione di almeno due preferenze, di cui una riservata a un candidato di sesso diverso, pena l`annullamento delle preferenze successive alla prima».

ALTERNANZA – Se invece ci sono le liste bloccate, la legge elettorale regionale dovrà disporre «l`alternanza tra candidati di sesso diverso, in modo tale che i candidati di un sesso non eccedano il 60 per cento del totale». Infine, se ci sono «i collegi uninominali, la legge elettorale regionale deve disporre l`equilibrio tra candidature presentate col medesimo simbolo in modo tale che i candidati di un sesso non eccedano il 60 per cento del totale».

REGIONI – Ad oggi, la maglia nera in materia di rappresentanza femminile tocca al consiglio regionale della Basilicata (dove non siede nemmeno una donna). Ma in generale la presenza rosa è oggettivamente scarsa. Sono infatti donne solo 159 su un totale di 897 consiglieri regionali. Se alcune Regioni del centro-nord hanno percentuali accettabili di donne che siedono nei Consigli (Emilia Romagna 34,7%, Toscana 27,5%, Piemonte 26%, Veneto 22%), quelle del Sud hanno percentuali ridottissime: lo 0% in Basilicata, il 3,3% in Calabria, il 3,4% in Abruzzo ed il 6,8% in Sardegna, con l`esclusione della Campania che si attesta al 22%.

PARTITI – Soddisfatti il Pd (con Valerla Fedeli che definisce la legge come »un contributo determinante per la qualità della democrazia«) ed Ncd. Scelta Civica avrebbe voluto una totale parità tra uomini e donne ma ha comunque votato il testo, considerato invece come un compromesso troppo al ribasso per il M5S. Durissima la Lega, storicamente contraria alla rappresentanza di genere, con Cristian Invernizzi che dice «no a una proposta di legge ipocrita e non risolutiva del problema». Non è imponendo la presenza delle donne in politica tramite la scelta obbligata delle preferenze che si risolve la questione.

Questa volta mi sembra di poter essere d’accordo con la sponda leghista, ma credo che una decisione di questo genere non faccia felici neppure le donne, che vorrebbero essere apprezzate per le loro qualità e non essere imposte in quota per disposizione di legge. Che non è certo il modo migliore per garantire la parità di genere.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.