Intitolata una piazza e una fermata della linea 3 della tramvia

Firenze: le celebrazioni per l’anniversario della morte di Oriana Fallaci

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Oriana Fallaci

Oriana Fallaci

FIRENZE – Oggi la città ha voluto ricordare Oriana Fallaci: alle 18 la cerimonia di intitolazione di ‘Piazzale Oriana Fallaci’ presso il giardino della Fortezza da Basso, vicino alla vasca dei cigni. Hanno partecipato il sindaco Dario Nardella, Ferruccio De Bortoli, Giangiacomo Schiavi e Edoardo Perazzi, nipote della giornalista e scrittrice. La città ora, ha dedicato alla scrittrice il piazzale attiguo alla Fortezza da Basso e in quel punto è previsto che sia realizzata anche una fermata della linea 3 della tramvia, che porterà il nome proprio di Oriana Fallaci. Durante la cerimonia l’attrice Maria Rosaria Omaggio ha letto alcuni brani di articoli e libri della Fallaci, morta proprio dieci anni fa, il 15 settembre 2006.

“Non è un gesto riparatore ma un segno di gratitudine – ha spiegato Nardella a proposito dell’intitolazione della piazza – perché Oriana amava Firenze, la sua città, in modo totale, assoluto ed era pronta a difenderla contro tutto e tutti e da chiunque. Ed è questo forse oggi l’aspetto più apprezzato da tanti fiorentini e anche da molti che in passato, probabilmente in modo un po’ superficiale, hanno strappato di qua o di là Oriana, catalogandola ora a destra ora a sinistra. Ma Oriana non era né di destra né di sinistra, era una donna libera, per cultura e per spirito. Forse i dieci anni che ci separano dalla sua scomparsa non sono passati invano”.

CONSIGLIO REGIONALE – Il Consiglio regionale della Toscana ospiterà il ”Fondo Fallaci”, con oggetti e documenti provenienti dalla casa in Chianti della scrittrice e giornalista. E’ quanto annunciato oggi nella sede dell’Assemblea toscana nel corso di una cerimonia a dieci anni dalla scomparsa di Oriana Fallaci. “Nel giorno del decimo anniversario dalla scomparsa di Oriana, il 15 settembre 2006 – ha spiegato il presidente del Consiglio toscano Eugenio Giani – vogliamo che il Fondo Fallaci, che aveva già in deposito alcuni beni di Oriana in Consiglio regionale, abbia tutti i crismi della regolazione giuridica e della sua definizione”.

NIPOTE – “Oggi questa intitolazione di questo fondo ha un significato speciale, sono molto grato al Consiglio della Regione Toscana. Finalmente le carte di Oriana che riguardano la Toscana avranno un posto dove saranno studiate e spero molto diffuse. Grande soddisfazione per Oriana anche l’intitolazione del piazzale”. Lo ha detto il nipote di Oriana Fallaci, Edoardo Perazzi, commentando l’intitolazione alla scrittrice fiorentina di un piazzale alla Fortezza da Basso e di un fondo in Consiglio regionale toscano. Fallaci sarebbe stata contenta di tutto questo? “Oriana era vanitosa, le piaceva essere fotografata, ma sicuramente avrebbe avuto da ridire su tutto. Sarebbe stata molto contenta, pur criticando come sempre”, ha risposto Perazzi che è anche l’unico erede della scrittrice scomparsa il 15 settembre 2006.

Commenti (1)

  • Pierluigi

    |

    Sarà anche il piazzale della “vasca dei cigni”, ma viste le frequentazioni non è certamente ben rinomato.
    Mi sembra una scelta sbagliata; l’intitolazione della fermata della futura linea 3 è quasi ridicola.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.