A mio figlio

 

Quando un problema t’intristisce il cuore

pensa per un momento all’altro ieri.

Ricorda quando tua madre, anche per ore,

consolandoti t’accarezzava se piangevi.

 

Ed alla sera quando andavi a letto

le raccontavi le ansie e l’esperienze fatte

e tu tranquillizzato la lei scordavi tutto

quando ti dava il bacio della buonanotte.

 

Quindi t’addormentavi ormai sereno

senza nel viso quell’aria un po’ avvilita,

sognavi allora di diventar “ qualcuno”

riguadagnando la grinta per affrontar la vita.

 

Poesia


Graziella Taffuri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080