Serve per combattere leucemie, anemie, malattie metaboliche

Staminali: uno studio in Toscana sulla donazione del sangue cordonale

di Redazione - - Cronaca, Salute e benessere

Staminali, dalla Toscana uno studio sul sangue del cordone ombelicale

Staminali, dalla Toscana uno studio sul sangue del cordone ombelicale

FIRENZE – Individuare le difficoltà nella raccolta, nella conservazione e nell’invio del sangue del cordone ombelicale per aumentare le donazioni: questo lo scopo dell’indagine «La donazione di sangue cordonale nei servizi ostetrico-ginecologici della Regione Toscana: studio osservazionale», che ha preso il via nei giorni scorsi e si protrarrà fino al prossimo dicembre. Per l’indagine verranno usati due questionari, uno rivolto al personale medico ginecologico e uno alle donne che hanno partorito.

Attraverso i questionari l’indagine ha l’obiettivo di ottenere un quadro informativo e conoscitivo sulla raccolta e il bancaggio del sangue cordonale, oltre che sull’informazione e la promozione riguardo questo tipo di donazione.

Il sangue del cordone ombelicale viene utilizzato per il trattamento di pazienti, pediatrici e adulti, affetti da patologie oncoematologiche (come leucemia, mielodisplasia, anemia aplastica, emoglobinopatie, malattie metaboliche da immagazzinamento e immunodeficienze congenite) per le quali il trapianto con cellule staminali costituisce la terapia di elezione. Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di autoriprodursi e di dare vita ad altre linee cellulari dalle quali derivano tutte le cellule del sangue: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.