Rabbia dei commercianti e dei consumatori

L’inevitabile aumento dell’iva mette in ginocchio il Paese

di Massimiliano Mantiloni - - Economia

L'aumento dell'Iva dissangua gli italiani

L’aumento dell’Iva dissangua gli italiani

FIRENZE – L’aumento Iva è ormai inevitabile. Nessuno ha mosso un dito per scongiurarla, anzi si sono dimessi in massa. Ora si che non si potrà fare più niente per scongiurarlo. Letteralmente infuriati commercianti e consumatori che si scagliano con rabbia contro un aumento che finirebbe per deprimere definitivamente l’economia e ogni possibilità di ripresa. E delle ennesime e stucchevoli accuse incrociate Pd-Pdl non interessa francamente più a nessuno.

L’aumento al 22%, sottolineano Federconsumatori e Adusbef, riguarderà il 70% dei prodotti e costerà 207 euro annui a famiglia, portando consistenti rincari nel settore dell’abbigliamento (+81 euro), nell’acquisto di scarpe (+25 euro) e bevande alcoliche, vino compreso, e gassate (+12 euro).

«La crisi ha stremato famiglie e imprese –osserva il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli – e impone perciò al Governo la responsabilità di scongiurare, anche se i tempi e i margini sono strettissimi, l’aumento dell’Iva, perché questo determinerebbe effetti recessivi e depressivi esiziali per l’economia reale».  «L’aumento dell’Iva -commenta il vicepresidente vicario di Confesercenti Massimo Vivolinon solo darà un nuovo duro colpo all’occupazione, alle imprese che lavorano per il mercato interno ed ai consumi, ma potrebbe essere solo l’inizio di una nuova grandinata fiscale insopportabile per famiglie ed imprese».

Tag:, , , ,

Massimiliano Mantiloni

Giornalista
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: