Leopolda 2013, D’Alimonte sulla legge elettorale: meglio il Porcellum del proporzionale

Per Roberto D'Alimonte meglio il Porcellum del proporzionale
Per Roberto D'Alimonte meglio il Porcellum del proporzionale
Per Roberto D’Alimonte meglio il Porcellum del proporzionale

FIRENZE – “C’è molta voglia di proporzionale in giro, dentro una parte del Pd, una parte del Pdl, una parte dei 5 Stelle, per non parlare di Casini e Tosi. Ma la riforma elettorale non deve andare bene a tutti, deve andare bene al Paese”. E’ il ragionamento del politologo Roberto D’Alimonte che questa mattina ha parlato alla convention organizzata da Matteo Renzi della Leopolda 2013.

“La riforma elettorale – ha sostenuto D’Alimonte, recentemente folgorato sulla via della rottamazione – non va messa nelle mani di Pdl-Fi, perché significherebbe consegnargli le chiavi della stessa riforma. In quel caso sarebbe meglio tenesi il Porceullum e con il porcellum il Pd di Renzi può vincere. Serve una riforma elettorale che dia ai cittadini la possibilità di scegliere il governo e renda i governanti direttamente responsabili di fronte ai cittadini”.

Secondo D’Alimonte, “il Pd deve mettere il Pdl-Fi di fronte ad una scelta non puo’ dire o collegi nominali o doppio turno, non puo’ volere nulla e portarsi a casa tutto. Se si accettano i due veti del Pdl-Fi l’unica soluzione e’ il proporzionale e sarebbe il disastro”. Comunque, ha avvertito il politologo, “la riforma elettorale giusta si fara’ dopo il prossimo voto, insieme alle altre riforme di cui il paese ha bisogno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080