Skip to main content

Violenza sulle donne: oltre 2.200 casi approdati nelle Asl toscane

Un flash mob contro la violenza sulle donne
Un flash mob contro la violenza sulle donne

FIRENZE. A pochi giorni dalla Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si celebra il 25 novembre con Piazza Santa Croce che a Firenze sarà addobbata con tante scarpe rosse a ricordare le donne uccise in Italia per mano di mariti, ex, fidanzati e compagni, la Toscana annuncia l’ampliamento del “Codice Rosa”.

Si tratta di un progetto che ha contribuito a far emergere casi di violenza a tutelare le vittime, a perseguire i responsabili attraverso un lavoro di squadra che unisce tante competenze diverse:  medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali, magistratura, forze dell’ordine, associazioni, centri antiviolenza, per fare un’azione coordinata a sostegno delle fasce deboli.

Nei primi 9 mesi del 2013 (gennaio-settembre) sono stati 2.259 i casi di violenze e maltrattamenti approdati negli ambulatori dedicati a Codice Rosa: 2.139 maltrattamenti, 108 abusi, 12 maltrattamenti in seguito a stalking. 2.006 erano adulti (1.931 maltrattamenti, 63 abusi, 12 stalking), 253 erano minori (208 maltrattamenti e 45 abusi).

Un numero purtroppo in aumento rispetto all’anno precedente, quando, nelle 5 aziende in cui il Codice Rosa era in funzione, erano stati trattati 1.455 casi di maltrattamenti e abusi su adulti e minori: 250 a Lucca, 338 a Prato, 241 ad Arezzo, 466 a Grosseto, 160 a Viareggio.

Con l’ingresso di altre 5 aziende sanitarie (Pisa, Livorno, Empoli, Careggi e Meyer), ovviamente il numero di maltrattamenti presi in esami è aumentato e dal primo gennaio 2014 entreranno a far parte della rete le 5 aziende rimanenti: Massa Carrara, Pistoia, Firenze, Siena, aziende ospedaliero-universitarie Pisana e Senese.

Il progetto del Codice Rosa è partito nel 2010 nella Asl di Grosseto. Dal gennaio 2012 è diventato progetto regionale, con la firma di un protocollo tra Regione Toscana e Procura della Repubblica. I dati annunciati oggi dall’assessore regionale al diritto alla salute,  Luigi Marroni, fanno impressione.

Comunque la Regione si mobilita: già oggi la prima iniziativa, con il Cesvot toscano che per stamattina aveva organizzato un altro flash mob contro il femminicidio in piazza della Signoria. E in tanti si sono presentate davanti alla fontana del Biancone calzando scarpe rosse oppure indossando semplicemente qualcosa di rosso.

 


Massimiliano Mugnaini

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741