Incendio nella fabbrica di cinesi a Prato, il vescovo: «Basta!»

La tragedia di Prato lascia sgomento il vescovo Agostinelli
La tragedia di Prato lascia sgomento il vescovo Agostinelli
La tragedia di Prato lascia sgomento il vescovo Agostinelli

PRATO – «Basta!». E’ il grido del vescovo di Prato Franco Agostinelli dopo la strage nella fabbrica gestita da cinesi, morti e feriti. Agostinelli si dice «sgomento di fronte ad una tragedia che ricorda i tempi della rivoluzione industriale. Sette lavoratori hanno perso la vita nel rogo che ha avvolto l’azienda in cui operavano, probabilmente in condizioni molto precarie o addirittura disumane. Una parola si impone sulle altre: Basta! Per la nostra città è l’ora di mettere da parte posizioni ideologiche preconcette e tatticismi strumentali. E’ l’ora di una reazione unanime e di un soprassalto di umanità. Basta a situazioni di lavoro non degne dell’uomo e delle conquiste sociali degli ultimi decenni; basta all’illegalità che troppo spesso combina insieme gli interessi immorali di molti pratesi e le attività disinvolte di tanti imprenditori cinesi; basta allo sfruttamento della manodopera immigrata cinese anche quando assume i connotati dell’autosfruttamento. La Chiesa di Prato lo ha affermato con chiarezza da molto tempo. Di fronte a queste fenomeni appare fondamentale l’attività repressiva. Ma da sola non basta. Occorre intensificare la prevenzione.  Ognuno -aggiunge il vescovo- deve tornare responsabilmente a fare la sua parte per il bene comune, e impegnarsi per abbattere i muri dell’incomunicabilità tra cinesi e italiani. Gli imprenditori orientali che sono tra noi avvertano l’imperativo morale del dialogo e si lascino aiutare a bonificare le imprese e il lavoro. Imprenditori e sindacati italiani siano la prima linea di questa frontiera».

cinesi, incendio, morti, prato, Vigili del Fuoco


Massimiliano Mantiloni

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080