Feste all’insegna della sobrietà, ma il rito del regalo resiste

Regali di Natale, a Firenze il 14% va in tecnologia

I negozianti rilevano che in testa ai sogni natalizi dei fiorentini c’è la tecnologia
I negozianti rilevano che in testa ai sogni natalizi dei fiorentini c’è la tecnologia

FIRENZE – Nonostante la crisi resiste il rito dei regali. Secondo l’analisi di Confcommercio Firenze, le famiglie spenderanno in media 1200 euro tra regali, spese alimentari, cenone e, per chi se lo può permettere, viaggi. Aumenta la percentuale di chi sostiene che le spese per il Natale siano irrinunciabili e, soprattutto, gradite (dal 49% di un anno fa siamo saliti al 51,7), ma allo stesso tempo più di due persone su tre prevedono feste un po’ più tristi del solito (lo scorso anno i pessimisti erano il 66%. Adesso sono il 70%).

I negozianti rilevano che in testa ai sogni natalizi dei fiorentini c’è la tecnologia. Il 14% delle spese per i regali andrà in tablet e smartphone, +4% rispetto allo scorso Natale. Bene anche i giocattoli, 40 euro la spesa media per i giocattoli da sistemare sotto l’albero. Si spende soprattutto per i figli, i nipoti e i parenti. I più piccoli vanno matti per Peppa Pig, mentre le bambine stravedono per Violetta.

Dai giocattoli alla moda: in questo caso, almeno per ora, la tendenza è quella di orientarsi verso articoli di fascia medio-bassa: guanti, sciarpe.

Il 23% della tredicesima andrà in tasse. Altrettanto verrà risparmiato. E il 54% andrà in consumi. Dopo due anni di contrazione dei consumi, adesso è prevista una leggera ripresa, pari al +1,4%.

Shopping di Natale nonostante la crisi a Firenze
Shopping di Natale nonostante la crisi a Firenze

Per i prodotti artigianali i fiorentini badano meno alle spese. «Chi opta per un  prodotto realizzato a mano è disposto a spendere un po’ di più –afferma Sara Manetti, presidente degli orafi di Confcommercio- In base alle previsioni andranno molto gli articoli di piccola taglia, ma tutti all’insegna della personalizzazione».

Tra i regali più curiosi c’è la pennina digitale grazie alla quale viene riversato su pc quello che viene scritto manualmente. Ancora, sono molto apprezzate le macchine fotografiche a sviluppo immediato. Le moderne Polaroid, insomma. E poi i classici barometri, termometri e anche binocoli.

Capitolo viaggi. Il 30% dei fiorentini andrà all’estero durante le feste. Il 10% sceglierà viaggi economici, ovvero week end nelle capitali europee, oppure in Mar Rosso e in Marocco. Mille euro a persona la spesa massima. Il 20% invece si orienterà su tour un po’ più costosi. E con 4mila euro a persona volerà ai Caraibi, ma anche in Mongolia o in Africa.

Confcommercio, crisi, famiglie, natale, regali


Massimiliano Mantiloni

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080