Glauco Mauri e Roberto Sturno a Firenze

«Una pura formalità» prima nazionale al Teatro della Pergola

Roberto Sturno e Glauco Mauri
Roberto Sturno e Glauco Mauri

FIRENZE – Prima nazionale il 28 gennaio al Teatro della Pergola di Firenze per «Una pura formalità» della Compagnia di Glauco Mauri e Roberto Sturno. Attori dalla lunga gloriosa carriera, Mauri e Sturno hanno scelto come soggetto per il loro nuovo spettacolo un film dalla struttura sospesa fra cinema e teatro, ovvero «Una pura formalità», interpretato nel 1994 da Gérard Depardieu e Roman Polanski (i cui ruoli, rispettivamente lo scrittore Onoff accusato d’omicidio e il commissario che lo interroga, saranno stavolta rivestiti da Sturno e Mauri). La riduzione teatrale è stata eseguita in accordo col regista del film, Giuseppe Tornatore.

Il tema. Al centro della surreale pièce è la ricerca della memoria. Un delitto è stato commesso e ne viene accusato un celebre scrittore, Onoff. Un altro uomo lo aiuta in questa faticosa ricerca di un passato che si è voluto dimenticare: è l’inquietante commissario di polizia che lo interroga, un personaggio duro e ironico, comprensivo ma implacabile. Tutto si svolge in una sperduta stazione di Polizia. Ma lo è veramente? E dove si trova? E quelle strane persone al suo interno, sono poliziotti? Cosa aspettano? Gli squarci che si aprono nella mente del protagonista durante il serrato interrogatorio nello strano commissariato ricostruiscono il suo passato, risalgono alle sue origini con continui colpi di scena, e come in un thriller lo spettatore arriva alla verità con un finale del tutto inatteso.

Spiega Glauco Mauri: «Ho cercato di far rivivere tutta la forza drammatica della sceneggiatura modificandone quelle parti che si presentavano con dei connotati troppo cinematografici, preservandone al tempo stesso quell’intensità che dall’inizio ci avvolge nel suo misterioso intreccio. Il racconto rimane oscuro fino al suo sconvolgente epilogo, dove i pezzi lacerati di una vita si compongono in una serenità inaspettata e commovente: un capovolgimento radicale di quello che sembrava un giallo».

Da martedì 28 gennaio a domenica 2 febbraio 2014

Glauco Mauri e Roberto Sturno in «Una pura formalità», dal film di Giuseppe Tornatore. Versione teatrale e regia di Glauco Mauri. Con Giuseppe Nitti, Amedeo D’Amico, Paolo Benvenuto Vezzoso, Marco Fiore.

Scene: Giuliano Spinelli, costumi: Irene Monti; musiche: Germano Mazzocchetti.

Produzione Compagnia Mauri Sturno in collaborazione con la Fondazione Teatro Della Pergola

Biglietti da 7 a 30 euro. Orari e prezzi: www.fondazioneteatrodellapergola.it

Giovedì 30 gennaio alle ore 18  Glauco Mauri, Roberto Sturno e la compagnia incontrano il pubblico
e la scuola di Teatro Officina O. Coordina Titti Giuliani Foti. Ingresso libero.

 

 

prosa, Teatro della Pergola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080