Nell'interesse di Firenze e dello stesso Nardella

Pd, primarie finte. Ma ora serve uno sfidante vero

di Sandro Bennucci - - il Blog di Sandro Bennucci, Lente d'Ingrandimento, Politica

Palazzo Vecchio

Palazzo Vecchio

Nel mondo della boxe, per costruire un campione, si usava allungare il record del prescelto mettendogli di fronte pugili meno quotati. Cioè scartine.  Obiettivo: farlo vincere facile. E senza rischi. Più o meno la stessa strategia che Matteo Renzi, e in particolare il Pd fiorentino, hanno messo in pratica per fare di Dario Nardella, unto dal signore (esse minuscola, per carità), il candidato sindaco e probabile successore del neo presidente del consiglio. In parole povere, diciamo che le primarie piddine del 23 marzo assomigliano molto a una commedia con copione già scritto: Nardella trionferà, battendo nettamente i due sfidanti, ossia gli occasionali  sparring partners, Iacopo Ghelli, civatiano e votato al sacrificio, e Alessandro Lo Presti, ex area Marino, vicino a Daniela Lastri, sconfitta da Renzi nelle primarie (vere)  del 2009.

SCALATA – Perché questo voto se l’esito è scontato?  Due le ragioni. La prima: quando nessuno poteva immaginare la strepitosa scalata di Matteo, ed era ragionevole pensare che potesse ricandidarsi a sindaco di Firenze,  il partito scrisse che, in caso di sua rinuncia, ci sarebbero volute le primarie per scegliere il successore. La seconda:  il fatto stesso di chiamare in anticipo simpatizzanti e iscritti alle urne, significa avviare il vincitore alle elezioni  di maggio sulle ali dell’entusiasmo o, comunque,  di  una ventata di popolarità.

GIANI -Il problema sono le primarie finte. Con tutto il rispetto per Ghelli  (che richiama l’attenzione su questioni vere, come il  nuovo inceneritore e i problemi della Piana) e per Lo Presti (che non si è mosso male nei suoi incarichi amministrativi),  Nardella non avrà, con loro, le difficoltà che avrebbe incontrato se fosse sceso in campo lo sfidante naturale, Eugenio Giani, che studia da sindaco da almeno 15 anni. E che difficilmente riuscirà a conquistare la Sala di Clemente VII di Palazzo Vecchio.  E’ stato messo fuorigioco, il buon Eugenio, da una promessa a mezza voce di Renzi.  Un bisbiglio. Percepito come la garanzia di una poltrona da sottosegretario e che, invece , doveva essere inteso solo come  la sedia di consigliere  del premier  per lo sport. Fuorigioco anche un altro possibile sfidante: Andrea Barducci, presidente della Provincia, che aveva addirittura immaginato di diventare sindaco di una ipotetica area metropolitana.

DINASTIA – Ma a questo punto occorre dire che la partita per il sindaco di Firenze non può finire così. Nel senso che, almeno nelle elezioni di maggio, bisogna che Nardella si trovi di fronte un avversario di peso. Qualcuno obietterà: problema del centrodestra o di un’eventuale listone civico…  No, problema di tutti i partiti. E soprattutto del futuro di Firenze e della credibilità della politica. La gente  non ne può davvero più di essere  governata da “nominati”  di vario tipo. Renzi  è diventato presidente del consiglio senza essere stato eletto; deputati e senatori non sono passati al vaglio delle preferenze (le primarie del Pd, come si vede, possono avere varie sfaccettature…), i consiglieri regionali nemmeno.  Se anche il nuovo sindaco di Firenze dovesse  essere eletto senza apparente sforzo, i suoi problemi  crescerebbero. Il rischio? Che la democrazia si trasformi in … dinastia.  Dopo la sceneggiata del Pd, le altre forze politiche non possono permettersi d’indicare, a loro volta, candidati deboli. O troppi, in modo da provocare dispersione di voti. Gli sparring partners servono in allenamento. Il match vero dev’essere realmente equilibrato e combattuto.  Altrimenti la gente si stanca… di pagare il biglietto.

 

Tag:,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Commenti (1)

  • pierluigi

    |

    (Sandro, sei grande, articolo vero )
    E’ dall’immediato dopoguerra che partecipo alle elezioni, sia politiche che amministrative, ma in questa situazione non mi ero mai trovato.
    A mio padre i podestà di Benito li facevano trovare già insediati, con queste primarie fasulle siamo sulla strada buona…….
    Meno male che il nepotismo doveva essere un ricordo dei secoli passati, ma adesso mi sembra che fra parlamentari, ministri e presidenti delle varie compartecipate si stia percorrendo una buona strada, piazzando quasi sempre “amici fidati” e “finti leccapiedi”, il tutto alla faccia della democrazia.
    Meno male che, essendo anzianotto, mi rimangono solo poche votazioni !

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.