Toscana, sciopero del commercio per Pasqua, Pasquetta e Primo maggio

Sciopero dei sindacati del commercio per Pasqua, Pasquetta e Primo maggio contro le aperture domenicali e festive
Sciopero dei sindacati del commercio per Pasqua, Pasquetta e Primo maggio contro le aperture domenicali e festive

FIRENZE – I sindacati del commercio, in Toscana, hanno proclamato lo sciopero in occasione delle tre grandi festività: Pasqua, Pasquetta e Primo maggio.  Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil hanno ribadito la contrarietà all’apertura dei negozi nei giorni di festa. Secondo i sindacati, le liberalizzazioni degli orari e delle aperture domenicali e festive “non hanno portato nè aumento dell’occupazione nè dei consumi, ma hanno peggiorato le condizioni di lavoro e aumentato la precarietà”.

Per le tre sigle del commercio, “occorre rimettere la materia delle aperture domenicali, festive e commerciali alle competenze regionali e comunali, attraverso il confronto tra le parti sociali, demandano ai territori, previa concertazione, la loro definizione”. E ancora: per i sindacati va fatto un modello sostenibile del commercio, per città piu’ vivibili, all’insegna della cultura e non solo del consumo, per una maggiore contrattazione in difesa dei piu’ deboli, per la difesa dei valori civili e religiosi che queste festivita’ rappresentano.

 

commercio, regione toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080