È successo intorno alle 16 nella zona dell'Antico Spedale del Bigallo

Bagno a Ripoli, auto in fiamme: muore una donna

di Redazione - - Cronaca

vigili-del-fuoco-generica_500633FIRENZE – Una donna è morta, per cause ancora da accertare, all’interno di un’auto che ha preso fuoco sulla strada che da Bagno a Ripoli porta a San Donato in Collina. È successo oggi 28 maggio intorno alle 16, lungo la via del Bigallo e Apparita, non lontano dall’antico dell’antico Spedale del Bigallo. Vano ogni tentativo di soccorso. Sul posto ci sono 118, carabinieri, Vigili del Fuoco anche con la squadra di polizia giudiziaria per chiarire le cause della disgrazia e identificare la vittima.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 17.50

La vittima si chiamava Maria Patrizia Corsi e abitava a Firenze in via Benedetta Accolti 14. Era nata a Borgo San Lorenzo 67 anni fa ed era pensionata. Questo è almeno quello che risulta dai documenti trovati vicino a lei e dalla targa dell’auto di sua proprietà. Il corpo è totalmente carbonizzato e pertanto per avere conferma definitiva della sua identità occorrerà attendere il riscontro del Dna.

La signora, che avrebbe sofferto di crisi depressive, sarebbe arrivata da Firenze sulla strada in salita che collega Bagno a Ripoli al Poggio dell’Apparita poco prima delle 16. Ha fermato l’auto in un campo di ulivi con lo sportello di guida a ridosso di un muretto, come per bloccarne l’apertura. Non è escluso – accertamenti sono ancora in corso – che possa aver cosparso i sedili con alcool o benzina, accendendo poi il fuoco. Un rogo che in pochi attimi ha avvolto la vettura. Il corpo ormai carbonizzato è stato trovato tra il sedile e lo sportello semi aperto (ma bloccato dal muro), come se in un estremo istinto di sopravvivenza avesse tentato di uscire.

Sul posto è arrivato il figlio che in lacrime ha confermato ai carabinieri lo stato depressivo della madre, che già in passato avrebbe tentato un gesto estremo. Tutti i rilievi finora effettuati dagli inquirenti sembrano escludere qualunque coinvolgimento di persone esterne. Accertamenti sono ancora in corso presso la sua abitazione per ritrovare eventuali messaggi lasciati prima del tragico gesto.

 

 

Tag:,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: