Opera di Firenze: ecco il programma della stagione 2014-15

Opera di Firenze
Prove di scena di Falstaff
Il regista Luca Ronconi durante una prova di scena del «Falstaff» di Verdi, in cartellone a novembre

FIRENZE – L’Opera di Firenze / Maggio Musicale Fiorentino ha presentato la stagione 2014-2015, che va dal 25 settembre al 19 aprile.

Un programma che comprende 8 opere, 37 concerti e 4 balletti. Fra i titoli, spiccano opere mai rappresentate a Firenze o non più proposte da molto tempo, insieme a un buon numero di classici che dovrebbero attrarre anche il grande pubblico.

Si apre con un titolo peregrino, «Il campiello» di Ermanno Wolf-Ferrari (25 settembre) e si prosegue, dopo i concerti di Roberto Abbado con Violeta Urmana e il Coro del Maggio, di Inkinen e di Sladkowski, con la celeberrima «Cavalleria rusticana».

A novembre spunta nientemeno che un «Falstaff» di Verdi diretto da Mehta con la regia di Luca Ronconi (con un cast che include Daniela Barcellona, Ambrogio Maestri, Roberto de Candia, Alessandro Luongo, Eva Mei, Ekaterina Sadovnikova, Yijie Shi, Laura Polverelli). A gennaio «I puritani» di Bellini, a marzo «Dido and Aeneas» di Purcell e ad aprile una «Traviata» ancora diretta da Mehta.

La messa in scena dell’opera di Purcell non è un episodio isolato; alla musica cosiddetta antica, al contrario, il cartellone dedica un discreto spazio: viene rinnovata la collaborazione con Federico Maria Sardelli, cui sono affidati due concerti, e compare per ben tre concerti, oltre che per il già citato «Dido and Aeneas», il nome di Stefano Montanari, specialista di musica antica tanto come direttore quanto come violinista, che dirigerà fra l’altro la «Messa in si minore BWV232» di Bach.

A un anno dalla scomparsa di Claudio Abbado, in sua memoria Daniele Gatti dirigerà l’8 febbraio la «Messa da Requiem» di Giuseppe Verdi; nel cast spicca, gradito ritorno, il nome del tenore Francesco Meli.

Il 3 febbraio 2015 è il 150° anniversario dell’insediamento del Re Vittorio Emanuele II, evento forse più pernicioso che fausto per la città (almeno per il centro storico); sia come sia, l’Opera di Firenze lo solennizza con un Galà lirico diretto da Giacomo Sagripanti, stessa bacchetta dei «Puritani» rappresentati subito prima; dall’opera proviene sostanzialmente il cast del galà (Jessica Pratt, Yijie Shi, Riccardo Zanellato, Massimo Cavalletti, Julian Kim), con l’aggiunta di Francesco Meli.

 Tra le opere per bambini, ci sarà un nuovo allestimento («Brundibar» di Hans Krása), ma anche la ripresa del «Pollicino» di Henze. Numerosi, anche quest’anno, i progetti per le scuole, con laboratori per ragazzi e insegnanti.

La collaborazione con gli “Amici della Musica” di Firenze porta alcuni grandi pianisti: l’intramontabile Aldo Ciccolini (18 ottobre), Evgeny Kissin (26 marzo), Maria João Pires e Julien Brocal (30 marzo) e Andras Schiff, che chiude la stagione invernale il 19 aprile.

A ruota, dal 27 aprile, comincia il 78° Maggio Musicale Fiorentino, che apre con un nuovo allestimento del «Fidelio» di Beethoven, ovviamente diretto da Mehta; altre opere in cartellone, «Pélleas et Mélisande» di Debussy, diretto da Daniele Gatti e, per il contemporaneo, «Lo specchio magico» di Fabio Vacchi.

Il programma dettagliato della stagione 2014/ 2015, così come le anticipazioni del 78° Maggio, sono già online sul sito del teatro.

Un programma, in sintesi, che parrebbe fatto per piacere al pubblico di tutte le età e di tutte le tipologie; tuttavia uno sguardo agli orari degli spettacoli fa temere che gli aficionados della domenica pomeriggio, che comprendono, peraltro, un numero cospicuo di antichissimi abbonati, storceranno la bocca per l’alto numero di concerti previsti solo in orario serale e magari in data unica. Speriamo non si disaffezionino (un modo per evitarlo potrebbe essere quello di assicurare anche al nuovo teatro un buon servizio di chiamata taxi analogo a quello che funzionava davanti al vecchio Comunale).

Maggio Musicale, Musica, Opera di Firenze, opera lirica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080