Le interviste di Fiorentina-Guingamp

Montella: «Gomez si è sacrificato. Mi piace lo spirito di squadra»

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

Montella soddisfatto per il successo della Fiorentina

Montella soddisfatto per il successo della Fiorentina (foto Giacomo Morini)

FIRENZE. La soddisfazione per il ritorno al successo, il primo in una gara ufficiale in questa stagione, ma anche un pizzico di delusione perché il digiuno di Mario Gomez continua. Nel dopo Fiorentina-Guingamp, Vincenzo Montella però sembra pensare più al primo aspetto che al ritardo del tedesco nel trovare il gol.

GOMEZ. «Diventa problematico – ha esordito il tecnico in sala stampa – dover giustificare tutte le volte che Mario non segna. Ci sono altri 30 giocatori e comunque lui si è sacrificato molto. Sarebbe stato peggio se lui avesse fatto gol ma la squadra non avesse centrato il risultato. Sono convinto che lo pensa anche il tedesco, che tra l’altro considero un nuovo acquisto visto che lo scorso anno non ha mai giocato».

NUOVI. Già, i nuovi. In campo stasera ce n’erano parecchi. «Tutti hanno dimostrato le qualità che avevamo intravisto. Si sono inseriti bene, soprattutto considerando che almeno la metà di questi giocatori sono arrivati nelle ultime ore del mercato. Mi è piaciuto lo spirito di squadra, abbiamo cercato la vittoria attraverso il gioco: i ragazzi hanno saputo gestire la partita, interpretandola al meglio».

BERNARDESCHI. Un grande impatto sul match sicuramente ce l’ha avuto Federico Bernardeschi, in gol pochi minuti dopo il suo ingresso in campo. Ma quando gli chiedono se potrà essere il nuovo Matos, l’allenatore se la cava con una battuta: «Lui ci ha messo di più a segnare…» Parlando di Badelj è stato invece più serio, rimarcando che nonostante stasera l’abbia fatto, difficilmente potrà giocare assieme a Pizarro avendo caratteristiche molto simili.

CUADRADO. Uno dei grandi protagonisti della serata è stato comunque Juan Guillermo Cuadrado, quasi sempre imprendibile per la difesa francese e autore anche del gol del 2-0, quello che ha chiuso definitivamente la partita con tanto di esultanza con capriola alla Asprilla. «Siamo contenti – ha detto nel dopo gara il colombiano – per questa vittoria perché ci dà fiducia. Sono contento di essere rimasto, per il nuovo contratto però non so nulla, dovete chiedere a Della Valle: ci penserà il mio procuratore. Di sicuro comunque abbiamo tantissimi buoni giocatori».

DELLA VALLE. Il patròn Andrea Della Valle però non era a Firenze: in tribuna il presidente esecutivo Mario Cognigni, che ha assistito al match accanto all’ex viola Marco Donadel e al direttore sportivo del Sassuolo Nereo Bonato. Già, perché il campionato è di nuovo alle porte e dopo la trasferta di domenica (ore 18) sul campo dell’Atalanta, mercoledì prossimo, nel primo turno infrasettimanale della stagione, al Franchi saranno di scena proprio gli emiliani.

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.