Skip to main content

Firenze: l’associazione nazionale magistrati criticata severamente da Ognibene

 

Enrico Ognibene, presidente del tribunale di Firenze
Enrico Ognibene, presidente del tribunale di Firenze

FIRENZE  – «Un’Anm così non ha più ragion d’essere. E’ gravemente screditata e divorata dalle correnti». Lo ha detto Enrico Ognibene, presidente del Tribunale di Firenze, parlando a ‘KlausCondicio’ il giorno in cui si apre l’assemblea dell’associazione.
«Al limite possiamo conservare un nome, che in passato fu prestigioso – ha aggiunto – Ma che deve essere reinterpretato, rifondato. Così com’è, l’Anm non ha più senso. Questa Anm – ha proseguito il presidente del tribunale di Firenze – ci può portare solo in un vortice negativo. Io temo molto l’assemblea di oggi. Perché purtroppo il correntismo e, quindi, la divisione in correnti, la lotta politica che si è trasferita all’interno della magistratura, ci ha ampiamente screditati. La gente – ha aggiunto – non ci fa più fede. Il Presidente del Consiglio ci ha quasi deriso e nessuno ha detto niente: nessuno di noi, né dei cittadini, nessuno ha alzato un dito per dire: ma che fai?. Il correntismo, la mala politica che si è insinuata nella giustizia da tempo purtroppo ha portato a questi risultati. Questo lo dico con amarezza e dispiacere». Anche il Csm , secondo il magistrato, «altro non è che l’emanazione dell’Anm. Le imposizioni di potere del Consiglio Superiore provengono dall’associazione e viceversa».

Parole nette e chiare, che provengono da un magistrato di lungo corso, figlio a sua volta di un Procuratore generale, e che indubbiamente conosce molto bene l’ambiente nel quale opera da tanti anni.

Anm, Consiglio Superiore Magistratura, Presidente tribunale


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741