Tasi e Imu: scadenza 16 dicembre. Ma occhio al calcolo: ecco le tabelle di tutti i comuni

Calcolatrice alla mano, fuori i soldi per Imu e Tasi
Calcolatrice alla mano, fuori i soldi per Imu e Tares
Calcolatrice alla mano, fuori i soldi per Imu e Tasi

ROMA – Scadrà  il prossimo martedì 16 dicembre  il termine per il pagamento delle imposte comunali sugli immobili (Imu e Tasi)  ed anche in questa sede i contribuenti sono chiamati ad affrontare inutili complicazioni. Infatti la sovrapposizione mal riuscita tra le due normative ha generato una sostanziale confusione, che speriamo venga sostanzialmente rivista nella  nuova imposta locale che nel 2015 dovrebbe sostituire almeno la Tasi.

Ma per il 2014 la situazione si presenta caotica. Le normative dei  due tributi sono spesso in contrasto, e nel caso della Tasi occorre distinguere  in ogni delibera quanto riguarda il soggetto possessore (proprietario o titolare di altro diritto reale) e quanto di competenza del detentore (che utilizza l’immobile, per  contratto di affitto o altra causa).

Per chi non avesse già provveduto a fare il calcolo di quanto dovuto, sarà necessaria la lettura attenta delle delibere comunali. E’ il caso, comunque,   di  evidenziare alcuni  casi particolari, cui prestare grande attenzione per evitare i probabili errori :

ABITAZIONE PRINCIPALE:  per la  Imu  questa tipologia di immobile è esente, salvo che si tratti di immobile di lusso (categorie catastali A1, A8 e A9).  Nella Tasi è invece  imponibile, salvo specifici casi deliberati dai singoli comuni (ad esempio  per le abitazioni di anziani ricoverati in case di riposo).

CONIUGI NON SEPARATI RESIDENTI IN IMMOBILI DIVERSI: se i coniugi, non separati,  risiedono in immobili diversi, occorre distinguere 2 casi. Se si tratta dello stesso comune, solo uno dei 2 immobili, a scelta dal possessore,   sarà  esente da Imu, mentre entrambi  gli immobili saranno ovviamente soggetti a Tasi.  Nel caso di comuni diversi, entrambe le unità  saranno invece esentate da Imu e soggette solo a Tasi.

EX CASA CONIUGALE  DEI  CONIUGI  SEPARATI ASSEGNATA CON DIRITTO DI ABITAZIONE :  viene normalmente considerata esente da Imu (tranne se immobile di lusso),  anche se il possessore non vi risiede.

FABBRICATI  RURALI:  sono esenti da Imu ma pagano la Tasi (anche se con una aliquota ridotta, che non potrà superare l’ 1 x mille).

TASI A CARICO DELL’INQUILINO (o detentore per altra causa):  è data facoltà ai Comuni di mettere a carico dell’inquilino una  quota della Tasi variabile dal 10 al 30% della imposta, lasciando il resto al proprietario. La maggior parte dei comuni non ha utilizzato questa opzione, lasciando la Tasi a carico dei possessori. Ma per i  comuni che non hanno  deliberato  tale aliquota viene fissata dalla legge nel 10 % della imposta.

COMODATO AI FIGLI (o genitori , ovvero parenti  in linea retta): la esenzione è ancora possibile da parte dei comuni, ma viene per il 2014 condizionata da pesanti vincoli (solo i primi 500 euro di rendita possono essere esentati e solo se il comodatario appartiene ad un nucleo familiare con reddito Isee non superiore ai 15.000 euro).

ABITAZIONI DI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO (iscritti all’Aire):  per il 2014 pagano sia Imu che Tasi.  Solo per le abitazioni di Forze armate e personale di Polizia di Stato,  all’estero per ragioni di servizio,  resta la esenzione Imu.  Per il 2014 è stata soppressa la facoltà dei comuni di assimilare gli immobili  dei residenti all’estero alle abitazioni principali dei residenti.  La nuova legge  prevede un regime agevolato  senza delibere comunali, ma con decorrenza 2015.

TERRENI AGRICOLI  MONTANI:  resta la esenzione totale dalla  Imu.  E’ stata infatti rinviata, sotto un coro di critiche,  la efficacia del decreto retroattivo che aboliva tale esenzione,  introducendo   il criterio delle fasce di altezza dei  comuni per  determinare il pagamento della Imu.  Se ne riparlerà per il  2015. (1)

AREE  FABBRICABILI:  il calcolo usa in questo caso come base imponibile il valore venale in commercio, facendo eccezione al principio generale della rendita catastale rivalutata.

IMPORTO MINIMO DA VERSARE:  la legge prevede 12 euro,  per qualunque imposta, ma purtroppo è stata lasciata facoltà  ai comuni di modificare per  Imu e Tasi  anche questo dato, sia in aumento che in diminuzione. Occorre quindi verificare se sia specificato nelle delibere.

SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO IMPOSTE PER COMUNI ALLUVIONATI: anche per Imu e Tasi vale il decreto di rinvio delle imposte (vedi lista Comuni della Toscana).

 

Cerca qui il tuo comune e la delibera con l’imposta da pagare

 

(1) Il Consiglio dei Ministri del 12 dicembre 2014 ha deciso l’applicazione della Imu sui terreni agricoli dal 26 gennaio 2015. Leggi qui

13/12/2014 – Imu sui terreni agricoli: si paga entro il 26 gennaio. Ecco l’elenco dei comuni della Toscana interessati 

 

 

tasi e imu, Tasse e Fisco


Piero Corradini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080