In concerto con l'Orchestra regionale toscana

Firenze: arriva Giovanni Sollima al Teatro Verdi

di Roberta Manetti - - Cultura

Giovanni Sollima

Giovanni Sollima

FIRENZE – Il grande Giovanni Sollima apre il 2015 dell’Orchestra della Toscana al Teatro Verdi.

Virtuoso del violoncello dotato di rare sensibilità, versatilità e fantasia, tanto che da qualche anno si porta addosso la definizione di “Jimi Hendrix del violoncello” attribuitagli da un critico americano, è anche autore di composizioni di genere variegato. Tanto come autore quanto come esecutore, riesce a riunire e compendiare un po’ tutte le epoche, dal barocco al “metal”.

Divenuto, come spesso succede,  una star all’estero prima che in patria, il suo è un pubblico variegato e trasversale: riesce a picere un po’ a tutti, dagli estimatori di musica colta ai giovani rockettari e addirittura metallari. D’Altronde non sdegna certo le contaminazioni con rock, jazz et etnica anche fuori dalle sale da concerto (in cima alle montagne, tra le dune del Sahara, nelle feste di piazza…); è passato dalla Scala alla Biennale di Venezia alla Knitting Factory, tempio dell’underground newyorchese, con Riccardo Muti e con Patti Smith, con Sinopoli e con Capossela. È autore di colonne sonore cinematografiche per Greenway, Wenders e Marco Tullio Giordana, di musiche di scena per Bob Wilson e Baricco. La sua composizione più famosa, «Violoncelles, vibrez!», è diventata un classico.

Una volta ha suonato un violoncello di ghiaccio. Un’altra, montando il filo di un aquilone sulla cassa di un violoncello, ha creato uno strumento nuovo, l’“aquilarco”. A volte passeggia per la sala durante i suoi concerti. Altre, organizza raduni da cento e più violoncelli (come ha fatto nel 2012, riunendo musicisti di età e formazione diversa, con interscambio tra culture e livelli differenti, per dimostrare che si possono abbattere anche barriere di carattere pratico, grazie alla bellezza).

La serata al Verdi apre e chiude con due suoi pezzi: la nuova versione per violoncello e orchestra da camera (2011) di Hell I e Folktales per violoncello e orchestra (2009). Come solista e concertatore interpreterà anche il «Concerto n° 1 in Do maggiore» di Haydn.

Firenze, Teatro Verdi (via Ghibellina, 99)

mercoledì 14 gennaio 2015 ore 21.00

Giovanni Sollima violoncello e concertatore

Orchestra della Toscana (ORT)

Sollima, «Hell I» da «Songs From the Divine Comedy»,  versione per violoncello e orchestra da camera (2011)

Franz Joseph Haydn, «Concerto n.1 in do maggiore» per violoncello e orchestra Hob.VIIb:1

Sollima, «Folktales», per violoncello e orchestra (2009)

Info, programma di sala e biglietti sul sito dell’ORT

Tag:, , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: