Skip to main content
CONTEMPOARTENSEMBLE

Firenze: concerto gratis per il Giorno della memoria col «Contempoartensemble»

Il Contempoartensemble
Il «Contempoartensemble»

FIRENZE – Per celebrare la «Giornata internazionale della memoria» i solisti del «Contempoartensemble», cui si è aggiunto per l’occasione l’attore Marcello Prayer, hanno preparato un programma ad hoc. Vi è incluso, in prima esecuzione assoluta, il «Trio per archi» che il compositore ungherese Ivan Vandor ha dedicato al «Contempoartensemble» (non è raro che autori contemporanei anche molto noti dedichino brani al gruppo, ben conosciuto a livello internazionale).

In apertura i solisti del «Contempoartensemble» eseguiranno un pezzo di Max Bruch, «Kol Nidrei, variazioni su melodie ebraiche del VII-VIII secolo op. 47» (1880) nella versione per violoncello e pianoforte. Il primo tema deriva dalla preghiera Kol Nidre, che si recita prima del tramonto nel servizio serale durante lo Yom Kippur (il violoncello evoca la voce rapsodica del rabbino che intona la liturgia nella sinagoga). Kol Nidre (in aramaico “tutte le promesse”) rappresenta l’annullamento di tutti i voti pronunciati nel corso dell’anno.

A seguire il «Quartetto per archi in do minore n.8 op.110» di Dmitrij Šostakovič, scritto dal celebre compositore russo nel 1960 in memoria delle vittime del nazifascismo e di tutte le guerre, evocate dai toni bui e laceranti che contraddistinguono l’opera. Pare che Šostakovič lo abbia scritto in tre giorni, parallelamente alla stesura della colonna sonora di un film sui bombardamenti di Dresda.

Infine l’«Ouverture su temi ebraici op. 34» di Sergei Prokofiev. L’opera, della quale spicca l’originalità dell’organico (clarinetto, pianoforte e quartetto d’archi). Fu scritta su commissione di un complesso di strumentisti ebrei russi emigrati negli Stati Uniti, vecchi compagni di studi di Prokofiev, che tentavano di raccogliere i fondi necessari per fondare un Conservatorio a Gerusalemme. Prokofiev utilizzò due temi originali ebraici che gli erano stati forniti dai meno illustri colleghi, cercando di conservarne il più possbile l’originale carattere popolare. L’opera fu eseguita per la prima volta a New York, con grande successo, il 26 gennaio del 1920.

Alternandosi alle musiche, la voce diMarcello Prayer, attore teatrale e cinematografico, leggerà testimonianze, storie, diari di vittime della guerra e della persecuzione antisemita che trasporteranno più direttamente all’interno dell’orrore e costituiranno uno spunto di riflessione, un invito alla pace in un periodo di forte turbamento sociale e di crisi delle coscienze, nel quale le guerre entrano nel nostro quotidiano con le immagini di terrore e morte dal Medio Oriente, dall’Irak, dall’l’Ucraina fino al cuore della nostra stessa Europa.

Giornata della Memoria- Martedì 27 Gennaio, ore 21 -Ingresso Libero

Biblioteca delle Oblate, Sala delle Conferenze (via dell’Oriuolo 26, 50122 – Firenze)

«Contempoartensemble» + Marcello Prayer (voce recitante)

Carlo Failli: clarinetto – Matteo Fossi: pianoforte – Duccio Ceccanti: violino – Clarice Binet: violino – Edoardo Rosadini: viola – Vittorio Ceccanti: violoncello

Info: www.contempoartensemble.com – www.biblioteche.comune.fi.it /biblioteca_delle_oblate/

Nell’ambito del XII ContempoArteFestival (28 Novembre 2014 – 27 Marzo 2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741