Domenica 8 febbraio alle 16.30

Opera di Firenze: «Requiem» in memoria di Abbado

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

coro-del-maggio-musicale-fiorentino

Il Coro del Maggio Musicale Fiorentino

FIRENZE – A un anno e qualche giorno dalla scomparsa, all’Opera di Firenze si commemora il grande Claudio Abbado con l’esecuzione della «Messa di Requiem» per soli, coro e orchestra di Giuseppe Verdi. A dirigere l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino ci sarà Daniele Gatti; i solisti saranno Fiorenza Cedolins, Francesco Meli, Veronica Simeoni e Riccardo Zanellato.

Il concerto avrebbe dovuto essere nella Basilica di Santa Croce, ma è stato saggiamente spostato al più  capiente teatro, per non lasciar fuori troppi aspiranti ascoltatori.

Manzoni e Rossini furono i soli due grandi personaggi per cui Verdi si sia mosso a scrivere musica commemorativa. La composizione del «Requiem» iniziò nello stesso anno della morte di Manzoni, il 1873, quando Verdi tornò in possesso della partitura originale del  «Libera me» scritto ben cinque anni prima per la Messa che una nutrita squadra di compositori avrebbe dovuto mettere insieme per il primo anniversario della morte di Rossini (1869) e che non era stato mai eseguito. Lo ritoccò significativamente, sostituendo dieci battute con trenta nuove battute all’inizio dell’ultima citazione del «Dies irae» (inclusa nel «Libera me»), nella parte affidata al soprano solista, e completò il resto della «Messa di Requiem», che fu eseguita a Milano nella Chiesa di San Marco il 22 maggio 1874, con il soprano Teresa Stolz, il mezzosoprano Maria Waldmann, il tenore Giuseppe Capponi e il basso Ormondo Maini, diretti dallo stesso Verdi con un organico grandioso: 110 orchestrali e 120 coristi, tutti del Teatro alla Scala.

Opera di Firenze (Piazza Vittorio Gui / Viale Fratelli Rosselli, 7)

Domenica 8 febbraio, ore 16.30

Info sui biglietti nel sito dell’Opera di Firenze

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.