Taxi, sciopero a Firenze contro Uber: ferme decine di «auto bianche»

taxiFIRENZE – Solidarietà verso la manifestazione dei tassisti di Parigi che protestano contro la «concorrenza sleale» portata dalla società Uber.

Per questo martedì 26 gennaio, come annunciato, a Firenze le auto bianche di Cgil, Uil, Cisal e Confartigianato hanno deciso di incrociare le braccia per le ultime 4 ore di ognuno dei turni di oggi, martedì 26 gennaio.

Uber è l’azienda che gestisce la celebre app per smartphone del trasporto in città attraverso l’uso degli Ncc, anche a Firenze. «Questo ha consentito di mantenere in funzione un livello minimo di servizio anche se con qualche difficoltà e disagio per i clienti», ha spiegato Fabio Macchiavelli del 4242 taxi.

Stamani i tassisti si sono raccolti con decine delle loro auto in drappello alla stazione ferroviaria, dove hanno anche effettuato un volantinaggio. «Bisogna che le istituzioni, lo Stato, dicano basta all’abusivismo – dicono i tassisti -: Uber e gli Ncc aggirano le regole che governano questo settore, operano in un regime di semi o totale illegalità, devono essere fermati, ci sono sentenze che lo dicono, ma nessuno fa nulla».

Nel primo pomeriggio il drappello si è spostato per la seconda tappa della protesta all’aeroporto Vespucci. Non partecipa allo sciopero Uritaxi: «In Italia le trattative sulla questione Uber e abusivismo non sono ancora finite – ha spiegato Claudio Giudici, rappresentante della sigla – e lo sciopero è uno strumento che va utilizzato quando non esistono altre possibilità».

aeroporto, sciopero, taxi, vespucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080