Firenze: cinque indagati per la gara d’appalto per l’ippodromo Le Mulina

FIRENZE – Cinque persone risultano indagate nell’ambito di un’inchiesta sulla gara d’appalto per la valorizzazione dell’ippodromo Le Mulina di Firenze. Gli uomini della squadra mobile stanno effettuando perquisizioni. Tra gli indagati Simone Tani, dirigente del Comune e nei primi anni 2000 anche assessore in Palazzo Vecchio. Qualche mese fa era poi approdato al Cipe.

Tani era uno dei membri della commissione che aveva assegnato la gara alla srl Pegaso di cui erano amministratori Guo Sheng Zheng, Oliviero Fani e Luisa Chiavai, anche loro, secondo quanto si apprende, iscritti nel registro degli indagati con Massimo Cortini, uno dei soci dell’altro raggruppamento temporaneo d’imprese (Rti Park, Lives) che poi si ritirò e non partecipò al secondo bando dopo che la stessa amministrazione comunale aveva annullato la prima gara d’appalto.

 

appaltp, Firenze, gara, Le Mulina, Pègaso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080