Berlino: italiana dispersa dopo l’attentato del mercatino di Natale

BERLINO – C’è apprensione per un’italiana di cui si sarebbero perse le tracce. In un post pubblicato su Facebook Berlino Magazine scrive che il cellulare della ragazza sarebbe stato trovato vicino al luogo dell’attentato. Per il momento la notizia non trova conferme ufficiali ma all’ambasciata sono in corso accertamenti. Alla domanda se potesse confermare la notizia di un’italiana dispersa a Berlino, il ministro Alfano ha risposto: «Ci sono accertamenti ancora in corso a Berlino. Abbiamo indicazioni che ci portano a non escludere in questo momento l’ipotesi che ci possa essere una vittima italiana. Ma attendiamo le informazioni della magistratura tedesca sull’identità delle vittime.»

Sarebbe sulmonese l’italiana dispersa nell’attentato a Berlino. Potrebbe trattarsi di Fabrizia Di Lorenzo, 31 anni che vive e lavora nella capitale tedesca già da diversi anni. Il suo cellulare è stato trovato sul luogo dell’attentato. Solo oggi, quando la giovane non si è recata al lavoro, è scattato l’allarme. Il padre della ragazza è impiegato alle poste di Sulmona e questa notte la famiglia sarebbe stata contattata dalla Farnesina e la madre e il fratello sarebbero partiti immediatamente per Berlino.

ATTENTATORE – Intanto è emerso che il giovane immigrato di origini pachistane fermato ieri sera dalla polizia tedesca per la strage di Berlino potrebbe non essere l’autore dell’attentato. Lo riferisce il quotidiano Die Welt citando fonti della sicurezza, secondo le quale il sospetto è invece ancora in fuga ed è armato e la polizia e le forze speciali sono state informate. Diversi media tedeschi avevano riferito che il pachistano, arrivato in Germania nello scorso febbraio attraverso la rotta balcanica, aveva negato ogni coinvolgimento nell’attacco. Il presidente della polizia di Berlino, Klaus Kandt, ha confermato nella conferenza stampa in con il sindaco della città di «non poter dire che l’uomo arrestato ieri sia l’autista» del tir. «Le indagini sono ancora in corso», ha proseguito Klaus, «abbiamo diverse possibilità per verificare le tracce di Dna o della presenza di polvere da sparo, questo continua ancora, ma in verità, secondo le mie informazioni, non è sicuro che si tratti davvero dell’autista».

attentato, berlino, dispersa, italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080