Verdiniani e Zanettiani restano a piedi

Governo: Gentiloni lascia Ala e Scelta civica fuori anche dal sottogoverno. Con l’accordo di Renzi

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa

ROMA – Fuori da governo e sottogoverno e con un ruolo che, almeno per ora, appare meno decisivo di qualche tempo fa a Palazzo Madama. Per i gruppi di Denis Verdini e Enrico Zanetti sembrano prospettarsi mesi più complicati di quelli vissuti con Matteo Renzi premier. Mesi in cui il puntello alla maggioranza messo dai verdiniani al Senato rischia di subire l’ombra prepotente di Forza Italia, che con Silvio Berlusconi appare sempre più indirizzata verso un’opposizione dialogante.

E’ quanto basta a far esplodere l’ira di Ala e Sc contro il nuovo governo. Nelle ore in cui Zanetti annuncia la sua indisponibilità a viceministro e conferma che il sostegno di Ala-Sc avverrà solo sui provvedimenti che riterranno utili al Paese, Berlusconi usa parole molto simili, ribadendo l’appoggio di FI alle misure che riterrà positive per gli italiani. A testimonianza del fatto che, a Palazzo Madama dove la maggioranza ha margini non certo ampi, i ruoli di FI e dei verdiniani potrebbero alla fine sovrapporsi. Con il rischio di un’implosione nel gruppo dei senatori Ala nei confronti dei quali, stando ai rumors parlamentari, le sirene azzurre sembrano cominciate a suonare.

E, non è ancora un caso che oggi sia Maurizio Gasparri, uno dei colonnelli azzurri al Senato, ad avvertire Ala: le porte sono chiuse ai trasformisti. Di certo, con la rinuncia di Zanetti si chiude una trattativa nata male, con una prima rottura al momento della formazione del nuovo governo. E con Verdini che, a coronamento del sostegno all’esecutivo Renzi, chiedeva una legittimazione politica piena del suo gruppo. Una legittimazione che, da Gentiloni, tuttavia non è mai arrivata. Forse – ma al momento sembra difficile -, arriveranno degli incarichi a Palazzo Madama (sono vacanti, tra l’altro, la vicepresidenza dell’Aula e la presidenza della Commissione Affari Costituzionali). Forse la partita vera sarà a primavera, stagione di nomine a capo di enti pubblici chiave. Nel frattempo, ad applaudire la decisione di Zanetti sono i due capogruppo Lucio Barani e Saverio Romano. Una scelta che testimonia la nostra compattezza e risponde a chi ci dipingeva in attesa di poltrone o prebende, affermano. Una compattezza che, nella difficile navigazione parlamentare dei prossimi mesi, servirà ad Ala-Sc a tornare, quando ne ricapiterà l’occasione, numericamente decisivo.

 

Tag:, , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.