Due sono morti, due risultano ancora fra i dispersi

Rigopiano: la tragedia di Edoardo e Samuel, i due bimbi rimasti soli, senza genitori

di Redazione - - Cronaca

FARINDOLA – I soccorritori scavano ancora nella zona dell’Hotel Rigopiano, ma con sempre minori speranze di trovare sopravvissuti. Due fra i bimbi salvati, Edoardo e Samuel, sono uniti da un triste e drammatico destino, anche se per il secondo c’è ancora la speranza che possa riabbracciare entrambi i genitori. I bimbi fisicamente stanno bene, hanno superato anche una leggera ipotermia ma, dicono i medici che li tengono sotto osservazione psicologicamente sono provati. Attendono le loro mamme e i loro papà.

Nel tardo pomeriggio di sabato sono stati riconosciuti fra le vittime prima la mamma di Edoardo, Nadia Acconciamessa, 48 anni, poi il marito Sebastiano Di Carlo. Lei dipendente della Asl di Pescara, lui titolare di una pizzeria a Loreto Aprutino (Pescara).

Nessuna informazione, invece, sui genitori di Samuel Di Michelangelo, il piccolo della famiglia del poliziotto, Domenico, 41 anni, di Chieti, e Marina Serraiocco, che vivono a Osimo (Ancona). Risultano ancora tra i dispersi.

Dopo il salvataggio di Samuel, su Domenico e Marina si erano accese speranze certe. Lo aveva scritto in un post su Facebook il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni, che poi ha rettificato con un messaggio di scuse: «Dobbiamo prendere atto che per ora l”unica notizia certa è che il piccolo Samuel è salvo. Scusandoci con la città e con i famigliari di Marina e Domenico per l’increscioso equivoco, generato probabilmente dalla concitazione e dalla forte emozione del momento, la nostra comunità continua a pregare senza perdere la speranza».

«Spero ancora che trovino mio fratello e mia cognata vivi», dice lo zio di Samuel, Alessandro. Ma le speranze si affievoliscono col passare del tempo.

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.