Sabato 25 febbraio alle 20

Opera di Firenze: arriva Fabio Luisi per il suo primo concerto da Direttore musicale designato

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Fabio Luisi, Direttore musicale designato del Maggio Musicale Fiorentino

FIRENZE – Data importante, sabato 25 febbraio, per l’Opera di Firenze: Fabio Luisi vi terrà infatti il suo primo concerto da Direttore musicale designato, sul podio dell’Orchestra, del Coro e del Coro di voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino. Le voci soliste sono quelle di alcuni ex-allievi dell’Accademia del Maggio Ci sarà anche Andrea Lucchesini al pianoforte per il secondo dei tre brani in programma, la «Fantasia corale in do minore op. 80 per pianoforte, soli, coro e orchestra» di Ludwig van Beethoven, composta nel 1808, il cui tema principale presenta evidenti analogie con quello della parte corale della Nona Sinfonia (di cui costituisce una sorta di crogiolo).

L’apertura del concerto è affidata all’«Hymnus Amoris (Hymne til Kjærligheden) op. 12 per soli, coro e orchestra» del danese Carl Nielsen (1865-1931), che lo compose durante il suo viaggio di nozze in Italia. «Un buon auspicio per un “matrimonio” che comincia!» ha commentato Fabio Luisi in un’intervista. Speriamo sia felice.

Si chiude con «Eine Alpensinfonie op. 64», poema sinfonico che Richard Strauss scrisse fra il 1911 e il 1915 e che richiede lo spiegamento di un organico imponente: 4 flauti (flauti 3 e 4 anche ottavino), 3 oboi (oboe 3 anche corno inglese), heckelphon, 2 clarinetti in si bemolle, clarinetto in mi bemolle, clarinetto in do (anche clarinetto basso in si bemolle), 4 fagotti (fagotto 4 anche controfagotto), 8 corni in fa (corni 5, 6, 7 e 8 anche tube wagneriane in fa e si bemolle), 4 trombe in si e do, 4 tromboni, 2 tube, timpani (2 esecutori), cassa, piatti, tam-tam, triangolo, campanacci (3 esecutori), glockenspiel, macchina del vento, macchina del tuono, organo, celesta, 2 arpe, archi, oltre a 12 corni, 2 trombe e 2 tromboni fuori scena.

Con questo praticamente tutte le forze del teatro saranno riunite sul palco sotto la bacchetta di Fabio Luisi, che dal 2018 entrerà in carica come direttore principale.

Vincitore del Grammy Award e dell’ECHO Klassik Award, il genovese Fabio Luisi è attualmente Direttore musicale dell’Opera di Zurigo e Direttore principale al Metropolitan di New York (dove chiude i sei anni di incarico al Metropolitan con Don Giovanni e con una nuova produzione di Guillaume Tell); dalla stagione 2017-18 è Direttore Principale dell’Orchestra Nazionale Danese. L’attuale stagione lo vede impegnato in concerti con la Philadelphia Orchestra, la NHK Symphony, la Filarmonica della Scala, i Münchner Philharmoniker, la London Symphony Orchestra. In passato è stato Direttore principale dei Wiener Symphoniker (ricevendo insieme all’orchestra la Bruckner Golden Medal e il Bruckner Golden Ring), General music director della Dresden Staatskapelle e della Sächsische Staatsoper, Direttore artistico del Leipzing Mitteldeutscher Rundfunk, Direttore musicale dell’Orchestre de la Suisse Romande, Direttore principale della Tonkünstler-Orchester a Vienna e Direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica di Graz. Ha vinto un Grammy Award per la sua interpretazione delle ultime due giornate del Ring des Nibelungen: l’intero ciclo prodotto in DVD da Deutsche Grammophon è stato considerato la migliore registrazione operistica del 2012.

Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui, 1 / Viale Fratelli Rosselli)

Sabato 25 febbraio, ore 20

Biglietti da 10 a 80 euro, in vendita anche online sul sito dell’Opera di Firenze

Prima parte: 45 minuti – Intervallo: 30 minuti – Seconda parte: 50 minuti
Durata complessiva: 2 ore e 5 minuti circa

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: