E' stato perseguitato e condannato a morte dal regime albanese

Firenze: mons. Ernest Simoni, cardinale albanese, canonico ordinario del Duomo. L’annuncio del cardinal Betori

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

FIRENZE – Monsignor Ernest Simoni, nominato cardinale da Papa Francesco nel novembre scorso, sarà canonico onorario del Capitolo Metropolitano del Duomo di Firenze. Lo ha annunciato oggi l’arcivescovo Giuseppe Betori nel corso dell’assemblea annuale del clero fiorentino.

E’ una nomina che non ha carattere pastorale, ma che riveste particolare significato dal punto di vista ecclesiale, ha spiegato il cardinale Betori. In realtà non è la nostra Cattedrale a rendere onore al cardinale, ma è lui che, eccezionale testimone della fede sotto un regime ateo e disumano, ci onora con la sua assidua presenza nella nostra città e con la generosa disponibilità con cui risponde agli inviti delle nostre comunità. Sono lieto che abbia voluto accettare questo ulteriore legame con la Chiesa fiorentina.

Don Ernest Simoni, 89 anni, prete dell’arcidiocesi di Scutari (Albania), condannato a morte due volte dal regime albanese, ha vissuto gran parte del suo sacerdozio in clandestinità o in prigione fino al 1990. Nel corso del suo intervento a Monte Senario, l’arcivescovo di Firenze, ha voluto salutare ancora una volta la nomina del cardinale Gualtiero Bassetti, tra l’altro ex rettore del seminario fiorentino, e ricordato il cardinale Elia Dalla Costa (arcivescovo di Firenze dal 1931 al 1961) dal 4 maggio scorso venerabile. Una figura riproposta alla venerazione del nostro popolo e a noi viene chiesto di rimeditarne la lezione ecclesiale, soprattutto nella capacità di tessere attorno a sé una ricca varietà di esperienze cristiane, con un influsso significativo nella vita della comunità fiorentina anche civile, con presenze di preti, religiosi e laici che hanno segnato la storia del cattolicesimo nel nostro Paese, ha concluso.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.