L'azienda resta alla famiglia Caprotti

Esselunga: gli eredi Caprotti rifiutano l’offerta cinese (7,3 miliardi)

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

MILANO – «Esselunga non è in vendita». Ieri, con una stringatissima lettera a quadri e dirigenti,  Giuliana Albera e Marina Caprotti hanno chiuso le porte a possibili acquirenti interessati al gruppo. La vedova e la figlia del fondatore di Esselunga, Bernardo Caprotti, nonché socie di maggioranza (con il 70% di quote nella catena di supermercati e il 55% della società degli immobili La Villata) non si sono lasciate convincere dalla maxi offerta cinese a nove zeri (7,3 miliardi di euro).

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.