Grosseto, terrorismo: arrestata la zia di Fatima, la Lady Jihad

GROSSETO – L’hanno sorpresa mentre intratteneva contatti con persone che non poteva frequentare nella sua casa a Scansano (Grosseto). Così Arta Kacabuni, dagli arresti domiciliari perché già condannata per il reato di associazione con finalità di terrorismo, è passata al carcere. Sono stati i carabinieri di Scansano ad eseguire l’ordinanza di aggravamento della misura, emessa dalla Corte d’assise d’appello di Milano, nei confronti della donna albanese, che è zia del marito di Maria Giulia Sergio, alias Fatima, la lady Jihad, prima foreign fighter italiana condannata dal tribunale di Milano per terrorismo internazionale e di cui si sono perse le tracce in Siria. Maria Giulia Sergio ha vissuto a Poggioferro con il marito Aldo Kobuzi dal 2012 al 2014 prima di partire per combattere al fianco dell’Isis. I militari hanno accertato che la donna aveva ricevuto a casa propria delle persone con le quali non poteva avere contatti.

arresto, Lady Jihad, zia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080