Skip to main content

Firenze: volevano l’affitto per palazzina occupata. Inquilino ferito. Arrestati

FIRENZE – La palazzina, ex sede delle Entrate in via Panciatichi, zona Rifredi, è occupata abusivamente, ma i due volevano ugualmente che un senza tetto pagasse a loro 250 euro d’affitto. È quanto hanno scoperto i carabinieri, che hanno fermato per i reati di estorsione e lesioni aggravate un 29enne marocchino e un 37enne algerino. Sono accusati di aver aggredito e ferito con
un coltello un uomo di nazionalità marocchina che si era rifiutato di pagare. Denunciata per gli stessi reati una donna di 40 anni, marocchina.

La vittima dell’aggressione, avvenuta il 22 agosto scorso, ha riportato una ferita al braccio giudicata guaribile in 30 giorni. Secondo quanto ricostruito dai militari, l’uomo, arrivato a Firenze da pochi giorni sebbene in Italia da diverso
tempo, senza fissa dimora, si era stabilito in una stanza della palazzina, su consiglio di un connazionale. Poco dopo si è presentata la 40enne, spiegandogli che se voleva rimanere avrebbe dovuto pagare a lei, come facevano tutti gli altri, un canone mensile di 250 euro, specificando che sarebbero andati bene anche 200. Al suo rifiuto, la donna si è allontanata tornando poco dopo accompagnata dai due uomini, che di fronte a un nuovo rifiuto, hanno iniziato a buttare fuori dalla stanza gli effetti personali del marocchino.

Sono andati via quando l’uomo si è opposto, recuperando le sue cose e riportandole all’interno. Passati pochi minuti, si sono ripresentati e lo hanno aggredito, armati di due coltelli e di una spranga di ferro. Il marocchino è stato ferito al braccio, col quale si era parato per evitare un fendente al volto. I malviventi sono scappati. Sul posto sono arrivati carabinieri e 118. Al termine delle indagini, ieri i militari hanno rintracciato i due aggressori nella zona di Rifredi. Uno aveva con sé il coltello usato per l’aggressione, e indossava ancora scarpe sporche di sangue. Per entrambi è scattato il fermo di polizia giudiziaria. Per la donna, incensurata, che risulta residente nello stabile occupato e sulla cui posizione sono in corso ulteriori accertamenti, è scattata una denuncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741