Stupri di Rimini: filmato incastra il Congolese. Che nega. Polonia chiede estradizione dei 4

Guerlin Butungu , 20 anni, congolese, viene portato in carcere

RIMINI – Nega tutto, il congolese Guerlin Butungu, 20 anni, interrogato dal pm della procura di Rimini. Non c’era. E forse dormiva. Colui che è ritenuto il capo del branco accusato dei due stupri di Miramare, si è detto estraneo alle violenze e ha affermato: «Dopo essere stato ad una festa in spiaggia, bevuto un drink e mezzo, mi sono addormentato. Quando mi sono svegliato – ha aggiunto – ho incontrato dei ragazzi che mi hanno offerto di acquistare un orologio e un telefonino probabilmente rubati, e così ho fatto». Ma, secondo gli inquirenti, il filmato lo inchioderebbe alle sue responsabilità. Intanto la Polonia ha chiesto l’estradizione dei quattro accusati dello stupro. E la cooperativa Lai-Momo ha licenziato il mediatore culturale che aveva postato un messaggio su Facebook sostenendo che lo stupro «è peggio solo all’inizio, ma poi la donna si calma e il rapporto diventa normale».

CONGOLESE – Arrivato in Italia nel 2015 come richiedente asilo, e in possesso di un permesso di soggiorno valido fino al 2018, Butungu si difende negando i fatti. Avrebbe però detto agli investigatori di riconoscersi nei fotogrammi estrapolati dalle telecamere di sicurezza che lo hanno ripreso con i tre minorenni, indagati in concorso con lui e come lui in stato di fermo. Ma proprio le immagini che lo riprendono, tra un episodio e l’altro, secondo gli inquirenti, incastrano  senza dubbi il congolese. Anche i tre minori hanno ammesso di riconoscersi nei fotogrammi, ma i due fratelli marocchini di 15 e 17 anni, e il nigeriano di 16, negano di aver stuprato, dicendo di aver partecipato perché costretti dal congolese, ma di non aver commesso il reato a loro avviso più grave.

RAPINE – Nell’interrogatorio avrebbero aggiunto di aver avuto la sera stessa degli stupri l’idea di costituirsi: «Volevamo farlo, ne abbiamo parlato, ma poi siamo arrivati alla stazione di Pesaro ci siamo separati e non lo abbiamo più fatto». Volevano farlo perché «rimasti impressionati dall’accaduto». Sono tutte circostanze ancora da verificare. Butungu è stato trovato in possesso di un orologio e di un telefonino rubato, che risulta rapinato a due ragazzi italiani sulla spiaggia, qualche ora prima dello stupro della polacca. Dalle indagini della squadra mobile di Rimini emergerebbero poi nella stessa serata almeno altre tre rapine, oltre a quelle finite con la violenza sessuale, tanto che la Procura ha chiesto di riunire tutti i fascicoli contro ignoti con rapine commesse con le stesse modalità da un gruppo di ragazzi.

POLONIA – La Polonia chiederà l’estradizione dei quattro arrestati per gli stupri di Rimini. Lo ha dichiarato il vice ministro della giustizia polacco, Patryk Jaki. I quattro sono accusati di avere stuprato una turista polacca e di avere picchiato il suo compagno e di averli entrambi rapinati. Il vice ministro Jaki ha detto che i quattro dovrebbero affrontare una punizione molto severa per avere commesso questi crimini. Le autorità polacche hanno aperto una loro inchiesta.

LICENZIATO – La cooperativa Lai-Momo ha licenziato il mediatore culturale che, all’indomani degli stupri di Rimini, aveva scritto su Facebook un commento nel quale sosteneva che «lo stupro è peggio solo all’inizio, ma che poi la donna si calma e il rapporto diventa normale». Il dipendente ha presentato delle giustificazioni scritte che Lai-Momo ha respinto, risolvendo in via definitiva il rapporto di lavoro.

congolese, estradizione, mediatore culturale, Polonia, stupri di Rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080