Fino al 15 ottobre

«Florence Biennale» alla Fortezza da Basso: in mostra anche opere tessili

di Redazione - - Cronaca, Cultura

FIRENZE – L’arte contemporanea guarda al mondo del tessile: tra i 462 artisti presenti Fortezza da basso di Firenze alla XI edizione della Florence Biennale (fino a domenica 15 ottobre) sono diverse le opere che guardano alle tecniche e ai materiali spesso utilizzati nel comparto moda.

Le cosiddette opere tessili sono certamente un trend ascesa. Ecco allora l’opera Art in Gestation dell’artista argentino Jose Alfredo De Andres, che usa una speciale tecnica di annodatura della lana, o la svedese Ditte Norstrom, che usa tessuti e filati per le sue opere creando speciali ricami. O ancora c’è la textile designer olandese Nelleke Hulsen, che lavora creando pattern con fibre tessili come il lino.

Le idee vengono da tutto il mondo: ci sono i ricami in cotone su canvas dell’artista olandese Els Binnendijk o i gioielli in bronzo e tessuto dell”artista iraniana Farish Alborzkouh. Infine a coniugare arte e design, creatività e tecnologia c’è Quietude, una collezione di gioielli disegnati e realizzati per donne con diversi livelli di deficit uditivo. Coloro che li indossano possono sentire i suoni attraverso il corpo, poiché le vibrazioni acustiche si riflettono nelle qualità morfiche dei gioielli: ciascuno è corredato di un’applicazione per smartphone mediante
la quale è possibile registrare suoni significativi che vengono poi notificati alla persona che lo indossa.

Non solo, in mostra ci sono anche due costumi di scena creati da Regina Schrecker per l’opera Snow White – Biancaneve, pezzi di alta moda indossati dalle interpreti della regina buona e quella cattiva nell’opera.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.