Le dichiarazioni del ministro dell'interno

Firenze: Minniti, la partita della sicurezza su migranti e terrorismo si vince fuori dai nostri confini

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

FIRENZE – Interessante discorso del ministro dell’interno Marco Minniti in tema di sicurezza, terrorismo e migranti alla festa del Foglio a Firenze .

«La minaccia del terrorismo internazionale è una parte fondamentale nella partita della
sicurezza dell’Italia, partita che si gioca al di fuori dai confini nazionali, e anche i flussi migratori non sono una partita da maghi: sono una partita che si risolve fuori dai confini d’Italia, si risolve in Africa, dall’altra parte del Mediterraneo». E aggiunge poi:

«Siamo alla fuga individuale dei foreign fighters, è una diaspora di ritorno, è cosa concreta che usino le rotte del traffico di esseri umani. In questo senso io ho un’ossessione per il confine meridionale della Libia, che è sempre di più il confine meridionale dell’Europa, contro il terrorismo internazionale e contro i trafficanti di esseri umani. I foreign fighters sono il punto di contatto con Islamic State – ha ricordato Minniti – Sono 25-30.000 provenienti da 100 paesi del mondo. Questi sconfitti sul campo cercheranno di tornare. E’ un problema. Migliaia di foreign fighters partiti
dall’Europa, dall’Italia parliamo di numeri piccoli di poco superiore a 100. E’ lecito preoccuparsi. Possono usare le rotte dei trafficanti di esseri umani per tornare nei loro Paesi».

«Di fronte alle grandi sfide epocali della sicurezza e dell’immigrazione, l’Italia deve rispondere come sistema-Paese, non c’è uno solo che vince la partita. Direi, l’Italia prima di tutto. Se noi ragioniamo mettendo l’Italia prima di tutto, saremo più forti e credibili anche di fronte agli italiani»

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.