Skip to main content

Week End 28-29 ottobre a Firenze e in Toscana: teatro, eventi, festival, mostre

FIRENZE

Massimo Ranieri al Teatro Verdi – La star pop del fine settimana in città è Massimo Ranieri, in concerto domenica 29 alle 20.45 al Teatro Verdi (via Ghibellina, 99) col rodato recital «Sogno e Son Desto – chi nun tene coraggio nun se cocca ch’ ‘e femmene belle». Ideato e scritto con Gualtiero Peirce, è un titolo giocoso e provocatorio, un inno alla vita, all’amore e alla speranza. Uno spettacolo fatto di grandi canzoni, racconti particolari e colpi di teatro. I protagonisti, ancora una volta, non sono i vincitori o le imprese degli eroi, ma i sognatori e la vita di tutti noi: gli uomini e le donne cantati dalla musica di Raffaele Viviani e di Pino Daniele, o dal teatro di Eduardo De Filippo e Nino Taranto. Tra canzoni e monologhi non mancano colpi di teatro: nel recital Ranieri va oltre il repertorio della canzone napoletana, interpretando brani dei più celebri cantautori italiani e internazionali: da Fabrizio De Andrè a Francesco Guccini, da Charles Aznavour a Violeta Parra.  Sul palco Ranieri è accompagnato da un’orchestra formata da Massimiliano Rosati (chitarra), Flavio Mazzocchi (pianoforte), Mario Guarini (basso), Luca Trolli (batteria) e Donato Sensini (sax). Prevendita www.boxofficetoscana.it/punti-vendita e online su www.ticketone.it e sul sito del teatro www.teatroverdifirenze.it.

Inaugurazione della Stagione sinfonica del Maggio con Fedoseev – Sabato 28 ottobre alle ore 20 il Maggio Musicale Fiorentino vara la Stagione sinfonica 2017/18. Sul podio dell’Orchestra e del coro del Maggio una vera stella (anzi, un asteroide, visto che nel 1983 gliene hanno intitolato uno), il Maestro Vladimir Fedoseev, concittadino di Šostakovič, che ne inaugura il ciclo integrale delle quindici sinfonie  per la prima volta eseguite in Italia in un’unica stagione concertistica. Il programma comprende la Sinfonia n.3 in mi bemolle maggiore per coro e orchestra  Il 1° maggio (su testo di S. Kirsanov), l’Overture festiva Andrea Bocelli invoca la rivoluzione morale nella politica italianaop. 96  sempre del compositore russo e i due celebri poemi sinfonici di Ottorino Respighi Fontane di Roma e Pini di Roma. Il ciclo sinfonico integrale sostakoviciano si concluderà coi due concerti diretti dal maestro Zubin Mehta il 28 e 30 giugno 2018 nell’ambito del 81° Festival del Maggio. Biglietti da 5 a 35 euro, anche online senza sovrapprezzo. Altre star, di altro genere, anche domenica 29 alle 17.30, quando è in programma un evento di beneficenza: suona la Banda Musicale della Guardia di Finanza con la partecipazione straordinaria di Andrea Bocelli. Presentano la serata Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni. Biglietti da 17 a 88 euro, anche online. L’incasso sarà devoluto alle Fondazioni: “Andrea Bocelli” e “Cure2Children”. Sempre sabato 28, alle 18, presso il Bookshop del Teatro del Maggio, c’è «Il gesto e la musica. 60 anni di giornalismo a tu per tu con i grandi». Presentazione del volume di Carla Maria Casanova (Zecchini Editore). Intervengono Carla Maria Casanova e Giovanni Vitali. Ingresso libero.

Amici della Musica con Angela Hewitt – Sabato 28 alle 16 al Teatro Niccolini (via Ricasoli, 3) Angela Hewitt prosegue con le Partite di Bach, autore del quale è tra le maggiori interpreti al mondo. In programma Partita n.3 in la minore BWV 827; Partita n.5 in sol maggiore BWV 829; Partita n.5 in la maggiore BWV 832; Partita n.6 in mi minore BWV 830. Domenica 29 ottobre alle 21 al Teatro Niccolini, arrivano le star della classica coreana, i Novus String Quartet, assieme al giovane talento del violoncello, il rumeno Andrei Ioniță; in programma, BACH: Suite n.3 in do maggiore per violoncello solo BWV 1009. MOZART: Quartetto in si bemolle maggiore “La caccia” KV 458. SCHUBERT: Quintetto in do maggiore op.163 D 956

Suoni riflessi col Rettore – Il Rettore dell’Università degli Studi di Firenze Luigi Dei, ordinario di chimica e pioniere nell’applicazione delle nanotecnologie alla conservazione dei beni culturali, ma anche grande esperto di musica e divulgatore scientifico sul rapporto fra arti e scienze, è ospite al Festival «Suoni riflessi» in Sala Vanni (Piazza del Carmine, 19) domenica 29 alle 11 con la conferenza-spettacolo «Mistero e magia della voce». Nell’occasione condurrà il pubblico in un «viaggio nei segreti biologici ed emotivi della voce umana» attraverso arie e canzoni di Pergolesi (Salve Regina, Largo), Händel (Rinaldo, Lascia ch’io pianga), Mozart (Le nozze di Figaro, Dove sono i bei momenti), Rossini (Guglielmo Tell, Selva opaca), Verdi (Macbeth, La luce langue), Saint-Saëns (Samson et Dalila, Mon coeur s’ouvre a ta voix), Armstrong (What a wonderful world), Springsteen (You are missing), Berio (Sequenza III per voce) e Schubert (An die Musik D547). Solisti il soprano Silvia Tocchini, la vocalist Donata Menci, il controtenore Marco Pupo, accompagnati da Massimo Salotti al clavicembalo e pianoforte. Biglietti 12 / 8 euro. Informazioni: www.suoniriflessi.it

Sabina Guzzanti al Puccini – Al Teatro Puccini (Via delle Cascine 41, 055.362067, www.teatropuccini.it) sabato 28 alle 21 Sabina Guzzanti nel suo «Come ne venimmo fuori. Proiezioni dal futuro». In una società civile dove il denaro è tornato ad essere semplicemente un mezzo, SabnaQƒ2 sale sul palco per pronunciare il discorso celebrativo sulla fine del periodo storico dell’umanità, dal 1990 al 2041, noto a tutti come “il secolo di merda”. Le celebrazioni della sua fine si svolgono ogni anno perché non se ne perda la memoria e si scongiuri il pericolo che la storia possa ripetersi. Però nessuno ha più voglia di arrovellarsi a capire le ragioni che avevano spinto gli uomini a cadere tanto in basso: frustrazione, ignoranza, miseria, compensate da ore e ore trascorse a litigare su Facebook e a guardare programmi demenziali, incapaci di reagire alle innumerevoli angherie a cui venivano sottoposti. SabnaQƒ2 ha preparato una ricerca accurata, esaminando la TV dell’epoca, i leader, le convinzioni, i passaggi storici nodali: una conferenza-spettacolo sull’attualità politica e sociale, in realtà… Biglietti da 22 a 27 euro.

Augusto Novelli al Cestello – Dal 26 ottobre al 5 novembre (repliche dal giovedì alla domenica) al Teatro di Cestello (Piazza Cestello, San Frediano) va in scena «Una scossa ondulatoria» di Augusto Novelli, adattamento e regia Marcello Ancillotti. Prenotazioni 055.294609. Omaggio a Novelli che 150 anni fa nasceva a Firenze e se ne andava 90 anni or sono con una commedia quasi inedita. All’indomani del sisma di Firenze del maggio 1895, 5.4 della scala Richter, fortunatamente con danni marginali, la città si risvegliò spaventata e pervasa da un rinnovato bisogno di religiosità, sul quale però i fiorentini stessi, con il loro piglio, non mancarono di ironizzare, come Novelli, che in questa scoppiettante pochade dai ritmi francesi mette alla berlina tanto il bigottismo della società bene che la politica degli allora socialisti, non mancando di lanciare qualche strale garbato anche verso certe forme di … vocazione.

Silvia Conti A piedi nudi – Sabato 28 al Buh! (Via Panciatichi 16 ) presentazione di «A piedi nudi (psichedeliche ipnotiche nudità)», il nuovo disco di brani originali dell’ottima cantante fiorentina Silvia Conti (RadiciMusic); pop-rock d’autore di altissimo design, con sfumature world; produzione artistica di Gianfilippo Boni e Roberto Mangione (autore anche di alcuni brani del disco). Al concerto saranno presenti alcuni dei musicisti che hanno suonato nel disco. Inizio concerto ore 22:30. Ingresso libero soci Arci.

AILoveRunning – Domenica 29 alle 7.30 (partenza ore 9) terza edizione di AILoveRunning, manifestazione podistica non competitiva di solidarietà, organizzata da AIL Firenze Onlus Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma. Una corsa/camminata non competitiva con partenza ed arrivo a Casa AIL – Piazza Giovanni Meyer, 2 e percorso nel verde delle colline fiorentine, 10 o 4 km. AILoveRunning è organizzata in collaborazione con il Gruppo Sportivo Maiano affiliato UISP. La quota di partecipazione ad AILoveRunning è di 10 euro che saranno destinati interamente all’AIL Dettagli su http://www.ailfirenze.it/it/ailoverunning-2017/

Festival delle mongolfiere – Farà tappa all’Ippodromo del Visarno (Cascine) la prima edizione del Festival delle mongolfiere, che si terrà nei due fine settimana 28-29 ottobre e 4-5 novembre. Numerosi laboratori didattici e ludici che affiancheranno i voli vincolati e gli straordinari spettacoli offerti dalle mongolfiere. Nei giorni di manifestazione sia la mattina che il pomeriggio si potrà provare l’emozione dei voli con mongolfiere ancorate a terra. Per tutto l’arco della giornata in programma spettacoli: si potrà entrare all’interno di due mongolfiere stese a terra  e ascoltare le storie raccontate dello staff. Dopo il calar del sole, dalle 18.30 tutti i giorni mongolfiere illuminate a suon di musica e festival del risotto. Dettagli e prezzi su festivaldellemongolfiere.it.

San Giovanni, lunga coda al Museo del Novecento nel primo giorno di apertura gratuita a San Giovanni (foto da Twitter)GAMO International Festival – Domenica 29 ottobre alle 11 al Museo Novecento (Piazza Santa Maria Novella, 10) inaugurazione del festival del GAMO affidata a Voice_Drums_Noise, il nuovo progetto del percussionista Simone Beneventi, talento oggi richiestissimo dagli ensemble specializzati nella nuova musica di tutta Europa. Con lui due delle voci dei celebri Neue Vocalsolisten di Stoccarda, Truike van der Poel e Andreas Fischer; programma musicale caratterizzato da forti componenti gestuali e teatrali, che raccoglie una vetrina di giovani compositori. Tra i nomi Jennifer Walshe e Erik Oña, che si ascoltano per la prima volta in Italia, oltre a Vittorio Montalti, Riccardo Nova, Younghi Pagh-Paan, Matthias Kaul e Filippo Perocco, e una preziosa prima esecuzione assoluta del brano Moira per mezzo soprano, basso e violoncassa di Lucio Garau.

Il «Cantico dei cantici» di Roberto Latini – Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303, Firenze) sabato 28 ottobre alle 21 Roberto Latini porta in scena uno dei testi più affascinanti, misteriosi e importanti che siano mai stati scritti, il «Cantico dei Cantici», e lo fa indossando i panni di un DJ queer con labbra rosse, parrucca arruffata, occhiali neri, cuffie sulle orecchie e sintonizzate sui Placebo. Poi la musica si affievolisce, inizia il racconto e le parole, mai trattenute, si impregnano di melodia, scandiscono il ritmo, tutto è ora dolcezza e rarefazione. La sacralità del Cantico pronunciata da Latini, su una notazione di pianoforte classico intervallata da incursioni pop, è la sensualità di una voce profonda, che scandisce i versi di un amore biblico infondendo loro la verità della carne, la sensualità dell’immaginazione. Biglietti 16 / 14 euro, info 055/422.03.61.

Egon in prima nazionale al Florida – Al Teatro Cantiere Florida (via Pisana, 111r) sabato 28 alle 21 c’è «Egon – introspettiva da Klimt e Schiele», progetto multidisciplinare incentrato sulla poetica dei due artisti nella grande Vienna del primo ‘900, definita dal neuroscienziato e Nobel per la medicina Erik Kandel come l’età dell’inconscio. Il lavoro vede quattro danzatori, due musicisti, due video artisti, un light designer, e una scenografa, impegnati nell’elaborazione di un linguaggio interconnesso tra le diverse discipline. Coreografia Leonardo Diana con Barbara Carulli, Valentina Sechi, Naomi Segazzi, Leonardo Diana, video Proforma – Nicola Buttari, Martino Chiti, musica Andrea Serrapiglio, Luca Serrapiglio, light design Gabriele Termine, scenografia Eva Sgrò, organizzazione Filippo Figone, produzione Versiliadanza 2017; info e prenotazioni: 055.7135357 – 055.7130664, www.teatroflorida.it

Andrea Muzzi – Al Ridotto del Teatro Puccini (Via delle Cascine, 41) sabato 28 ottobre alle 21:30 il comico Andrea Muzzi presenta «All’alba perderò (Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore)». Ingresso 15 / 10 euro. Coerente alla sua idea di far ridere senza sproloqui né volgarità, ha creato con leggerezza un suo decalogo a partire da alcuni sconfitti eclatanti. Se de Coubertin diceva che l’importante è partecipare, Boniperti, sottolineava che vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta…

Concerto all’Afgfratellamento – Ilaria Posarelli e Ramon Jaffé, pianoforte e violoncello, due generazioni a confronto si scontrano e incontrano in un romantico duello a colpi di note. Due artisti internazionali si danno appuntamento sabato 29 alle 21.15 sul palco del Teatro L’ Affratellamento (via G.P. Orsini 73) per un concerto dedicato a Beethoven, Schumann, Chopin. Intero 17 euro, ridotto 15 Info e prenotazioni: 329 8574777 – 333 2883802

La democrazia del corpo – Per il Festival La democrazia del corpo, diretto da Virgilio Sieni, sabato 28 alle 18.30 a Cango (via S. Maria 25) si inaugura il ciclo di incontri Danzare la Performance. Dal gesto quotidiano al movimento danzato, progetto divulgativo e trasversale tra le arti, basato sulla partecipazione attiva di studiosi, danzatori e pubblico. Ogni appuntamento si compone di una traccia pratico-teorica, con contributi video, corporei e la trasmissione fisica di una breve frase di movimento finalizzata all’esperienza dei principi analizzati. Il progetto, ideato e curato da Anna Lea Antolini, prevede per questo primo appuntamento l’incontro tra la studiosa Ada D’Adamo e la pedagoga e danzatrice Marta Ciappina che indagano l’azione “sedere/sedersi” (ingresso libero). Sabato 28 ore 21 Elisabetta Consonni presenta Ai lati d’Italia – Choir version, creazione site specific esito del percorso di trasmissione condotto dalla coreografa con un gruppo composto da danzatori e interpreti non professionisti di varia età in residenza creativa a Cango (ingresso 5€). Proseguono le Lezioni sul gesto (presso Scuola di Formazione del mestiere dell’attore/Teatro della Toscana): domenica 29 ottobre, alle 16, il danzatore Maurizio Giunti indaga insieme ai partecipanti le dinamiche intorno a “braccio che cade con passo” (ingresso 3€); alle 17 a Cango, la coreografa Elisabetta Consonni presenta lo spettacolo Plutone, coreografia per tre danzatrici (ingresso 12€ / 10 €).

Careggi in musica – Per Careggi in Musica, rassegna di concerti domenicali ad ingresso libero dentro l’ospedale di Careggi (Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale, Padiglione 3, Largo Brambilla n.3) a cura di A.Gi:Mus, domenica 29 alle ore 10.30 si ascolta il violino di Kazim Kaan Alicioglu, turco, classe 1999. Premio speciale della Giuria del Premio Crescendo 2016, è l’attuale primo violino della Turkish National Youth Philharmonic Orchestra. Con lui al pianoforte si esibirà Eugenio Milazzo. Il programma prevede musiche di De Sarasate, Kreisler e Beethoven.

Teatro Lumière – Al Teatro Lumière (via di Ripoli 231) sabato 28 alle 20.45 Futura Teatro in «Tutta colpa degli uomini» diretto da Alessio Coluccia. Dettagli su www.teatrolumiere.it

Festa dei 20 anni dei Chille a San Salvi –Sabato 28 ottobre alle ore 21 (ingresso libero) Festa per i 20 anni di Residenza della compagnia teatrale Chille de la balanza a San Salvi. Posti limitati. Si consiglia vivamente la prenotazione: 055.6236195 | 335.6270739 | info@chille.it. Le cose da mangiare e da bere si portano da casa e si condividono con gli altri.

Andrea Chimenti di giorno all’Alfieri – È uscito in Cd e doppio Lp il disco che documenta il concerto-tributo a David Bowie che Andrea Chimenti porta in giro per l’Italia da oltre due anni. Sabato 28 alle 14 lo festeggia con un concerto al Teatro Alfieri di Firenze (Via dell’Ulivo 6), dove i brani dell’album saranno per la prima volta eseguiti in quintetto rock. Guest Antonio Aiazzi (Litfiba della prima ora). Seguono firma copie e incontro con i fan da Contempo e cena all’Osteria delle Brache insieme ad Andrea Chimenti e alla sua band.

Berlino al Tenax – Sabato 28 ottobre altra notte dal respiro internazionale per il Tenax (Via Pratese, 46 – apertura porte ore 22:30, ingresso vietato ai minori di 18 anni, 18 euro in prevendita e 20/22 alla cassa): ci sono i Modeselektor in una delle tre sole date italiane. In apertura del duo berlinese, in consolle c’è Herva.

Anteprima di FLOG – All’Auditorium FLOG (Via M. Mercati 24b) sabato 28 ottobre dalle 22 con ingresso libero, c’è FLOG Social Club; sul palco Keine Bananen, The Shots e Quintana Rock Band. Nel corso della serata saranno sorteggiati 10 ingressi omaggio per i prossimi concerti.

Clorofilla film festival – Sabato 28 e domenica 29 allo Spazio Alfieri (via dell’Ulivo, 8) ultimi due giorni dell’edizione 2017 del Clorofilla film festival realizzato da Legambiente insieme allo storico cinema fiorentino e all’associazione Kansassiti con la collaborazione di Quelli della Compagnia. Documentari, film e corti a tema ambientale e sociale mai proiettati a Firenze. Info: www.spazioalfieri.it 055-5320840. Ingresso giornaliero: 10 euro; biglietto singolo 6 euro, ridotto 5.

Mercatino Belle Epoque – In Piazza Santissima Annunziata c’è il mercatino francese.

Mostre – Dal 21 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 Palazzo Strozzi ospita «Il Cinquecento a Firenze». Oltre settanta opere di artisti in dialogo fra loro. Ultimo pezzo d’una trilogia di mostre di Palazzo Strozzi a cura di Carlo Falciani e Antonio Natali, iniziata con Bronzino nel 2010 e Pontormo e Rosso Fiorentino nel 2014, la rassegna celebra un’epoca culturale segnata dalla Controriforma del Concilio di Trento e dalla figura di Francesco I de’ Medici, uno dei più geniali rappresentanti del mecenatismo di corte in Europa. Importante la campagna di restauri condotta in occasione dell’esposizione. Tutti i giorni inclusi i festivi 10-20, giovedì 10-23. Info 055 2645155, www.palazzostrozzi.org

Dopo Klimt, tocca a Leonardo, con la mostra-installazione «Da Vinci Experience», sorta di story telling per immagini dell’universo di Leonardo Da Vinci, ottenuta grazie alle multiproiezioni in video mapping, su nove grandi schermi e sulle architetture della navata di Santo Stefano al Ponte, di centinaia di immagini digitalizzate ad alta definizione, d’inserti video in full HD; sul tutto, una colonna sonora diffusa a 360° in Dolby surround. La mostra è stata prorogata fino a sabato 4 novembre 2017.

Una selezione di pietre lavorate appartenute alla famiglia Medici, affiancata da un’esposizione di minerali naturali di rara bellezza provenienti dall’Italia e da tutto il mondo, è in mostra al Museo di Storia naturale dell’Università di Firenze, meglio noto come La Specola (via Romana, 17 Firenze – 1° piano). La mostra si intitola «Mineraliter. Pietre mirabili tra Medici e Natura» e resterà aperta fino al 31 dicembre. Il percorso ha inizio dalle origini del collezionismo rinascimentale per giungere  a mostrare la ricchezza scientifica ed estetica delle attuali collezioni mineralogiche del Museo. È esposta una selezione della collezione di pietre lavorate (coppe, vasi, oggetti ornamentali), per la maggior parte proveniente dal cosiddetto Tesoro dei Medici. La passione per l’arte dell’incisione di gemme e pietre dure, infatti, caratterizzò sempre la celebre dinastia, a cui si deve – per iniziativa di Ferdinando I – la fondazione dell’Opificio delle Pietre Dure nel 1588. Nell’esposizione alla Specola, fra gli altri preziosi oggetti, due coppe in diaspro e una coppa in giada nefrite appartenute a Lorenzo il Magnifico, come riporta l’incisione Laurmed. Ma anche la tazza in lapislazzuli a forma di conchiglia, citata dal Vasari, acquistata da Cosimo I nel 1563 dal celebre lapicida milanese Gasparo Miseroni o lo straordinario vaso a navicella in quarzo ialino, scavato e lavorato da un unico blocco, di manifattura fiorentina della fine del XVI secolo. Alcuni oggetti risalgono invece all’epoca lorenese, come la tabacchiera in malachite, montata in  oro, di manifattura spagnola, probabile dono per le nozze di Pietro Leopoldo di Lorena con Maria Luisa di Borbone. Orario: fino al 31 maggio da mart a dom. 9.30-16.30. Dal 1° giugno 10.30-17.30. € 6/3. Il biglietto comprende anche la visita alla Collezione Zoologica al 2° piano. Info e visite guidate: 055 2756444.

A Villa Bardini (Costa S. Giorgio, 2) dal 14 luglio al 7 gennaio c’è «Lloyd. Paesaggi toscani del Novecento». L’opera di Llewelyn Lloyd (1879 – 1949) in una mostra curata da Lucia Mannini . Sono raccolte 60 opere dell’artista provenienti da 27 diverse collezioni private di tutta Italia (specie da Firenze e Livorno, ma anche da Roma, Milano, Viareggio e Reggio Emilia) e da collezioni pubbliche come la Galleria di Arte Moderna di Roma, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la Pinacoteca civica del Comune di Forlì, la Pinacoteca Civica “Foresiana” di Portoferraio (Isola d’Elba), la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e la Fondazione Livorno, le Gallerie degli Uffizi Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti. Orario: da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18.00). Lunedì chiuso.

Al Giardino di Boboli fino al 29 ottobre c’è «In Ordine Sparso», grande mostra di Helidon Xhixha che cerca di esplorare i concetti di caos e ordine attraverso una serie di imponenti sculture ed installazioni create con principi che vogliono essere affini alla sezione aurea.  L’artista è famoso per l’uso che fa dell’acciaio inox riflettente (un’opera è anche in Piazza San Firenze).

Al Museo Stibbert (Via Federigo Stibbert, 26) è stata prorogata la mostra «Robot fever: il samurai nell’era dei chogokin». Ingresso 8 euro.

Al Lyceum Club Internazionale di Firenze (via degli Alfani) fino al 20 novembre c’è «Giulio Marchetti. Sfumature di sentimento in un pittore del ‘900». L’esposizione, a cura di Chiara Toti, è visitabile in occasione degli eventi del club o su appuntamento. Catalogo Ingresso libero.

Alla Galleria Isolotto, in piazza dei Tigli, in occasione del progetto Nuovi Cantieri Culturali Isolotto sabato 28 alle 19 si inaugura «Figure. Solo Exhibition» di Serena Nono  (figlia del compositore Luigi Nono e nipote di Arnold Schönberg), ciclo di riflessioni sull’uomo e il suo abitare il mondo. Per l’inaugurazione saranno coinvolte 4 botteghe, adiacenti alla Galleria, che ospiteranno altrettante performance sulla figura di Pulcinella.

Dal 27 al 30 ottobre presso Le Murate-SUC in piazza delle Murate c’è la mostra Art RiBel: una mostra di opere di casi psichiatrici, Alzheimer, autismo, anoressia, risvegli dal coma per far capire ai visitatori che anche in situazioni limite l’Essere Umano non perde il senso estetico della vita. A fianco troveranno posto opere di allievi dell’Accademia di Belle Arti, opere di artisti che parteciperanno ideologicamente all’Art Ribel in incognito e disegni infantili. La mostra è aperta a scuole, centri, gruppi e prevede laboratori estemporanei di Art RiBel con produzione di un’opera sinestesica collettiva. L’iniziativa è organizzata da Università Popolare di MusicArTerapia e Associazione Italiana MusicArTerapeuti in collaborazione con Commissione Pari Opportunità, Pace, Diritti Umani, Immigrazione e Relazioni Internazionali del Comune di Firenze. . Ingresso gratuito.

Si inaugura sabato 28 alle 18 nella Galleria Poggiali (via della Scala, 35/A-29/A e via Benedetta 3r) la mostra personale di Eliseo Mattiacci dal titolo Misurazioni a cura di Lorenzo Bruni. La prima personale dell’artista di Cagli a Firenze dopo quasi 40 anni da quella che si tenne nel 1980 alla Galleria di Vera Biondi, per osservare da un’angolazione inedita il percorso che Mattiacci ha sviluppato in più di 50 anni di lavoro; l’operazione avverrà attraverso la visione di 28 opere tra disegni, acquarelli e istallazioni.

Il Museo Soffici e del ’900 italiano e il Comune di Poggio a Caiano, con il patrocinio della Regione Toscana, dal 7 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018 propongono alle Scuderie Medicee di di Poggio a Caiano «Soffici e Rosai. Realismo sintetico e colpi di realtà», una esposizione a cura di Luigi Cavallo e Giovanni Faccenda, con la collaborazione di Oretta Nicolini, Luigi Corsetti e un saggio in catalogo di Marco Moretti. Ventisei dipinti e dieci disegni per ogni autore, dagli anni ’10 al secondo dopoguerra, sono il corpus della mostra che pone i due grandi artisti in un ideale confronto di linguaggi figurativi: meditate e sintetiche le illuminazioni realistiche di Soffici; drammatica e aspra, con fiammate di poesia, la realtà di Rosai.

Dall’8 settembre al 26 novembre la sala delle Colonne del Palazzo Comunale di Pontassieve ospita la mostra Andrea Martinelli – L’ora delle ombre. Un’esposizione dove – tra tenue luce e chiaroscuro – i dipinti raffigurano volti da dove emergono ansie, storie e inquietudine.

Sabato 28 ottobre, presso il Museo Civico di Pistoia, si inaugura la mostra Attorno all’opera: la Presentazione di Gesù al Tempio di Anton Domenico Gabbiani. Curata da Riccardo Spinelli e promossa e realizzata dal Comune di Pistoia/Museo Civico, l’esposizione è uno degli eventi più interessanti nel cartellone di iniziative ideate per Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017 e sarà aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018. la mostra dà conto dell’importanza della cultura tardo-barocca fiorentina e romana a Pistoia: tale “innesto” è rappresentato dalla chiesa dell’antico monastero benedettino, che costituisce ancora oggi uno dei più interessanti esempi di interno settecentesco organicamente concepito, decorato fra il 1709 e il 1719 con affreschi, stucchi, sculture, dipinti dei più insigni artefici fiorentini, raccomandati per questa impresa dal Gran Principe Ferdinando de’ Medici.

A Siena è aperta al pubblico fino al 21 gennaio 2018, la mostra sul celebre pittore senese Ambrogio Lorenzetti, allestita presso il complesso museale di Santa Maria della Scala, a Siena. Il contributo che Ambrogio diede alla città è ancora tangibile in diversi edifici , ma molte delle sue opere sono finite in importanti musei sparsi in giro per il mondo. La Mostra ne fa tornare o giungere una prima volta nella terra del loro artista diverse

ANTELLA – BAGNO A RIPOLI (FI)

Al Teatro di Antella (Via di Montisoni) c’è «La Venexiana” (spettacolo inaugurale vietato ai minori di 18 anni, da giovedì 26 a domenica 29 ottobre), che aggiorna al presente, con tanto di sexy toy e dialoghi hot, il capolavoro del teatro erotico cinquecentesco. Con Simona Arrighi, Sandra Garuglieri, Mattia Rigatti, Marco Toloni, coproduzione Archètipo/AttoDue. info sul sito del teatro

IMPRUNETA (FI)

Sabato 28 alle 16.30 all’Antica Fornace Agresti (Via delle Fornaci, 2) all’Impruneta concerto dei Professori dell’Orchestra del Maggio Boriana Nakeva, violino, Lia Previtali, viola, Sara Nanna, violoncello. In programma Johann Sebastian Bach, Adagio-Fuga da BWV 853 trascritta da Wolfgang Amadeus Mozart per trio d’archi; Wolfgang Amadeus Mozart, Divertimento “Gran Trio” in mi bemolle maggiore per archi, K. 563; Zoltán Kodály, Intermezzo. Ingresso libero, nell’ambito del Maggio Metropolitano.

SIECI

Sabato 28 alle 21 al Dietro le Quinte (via Aretina 150A, Sieci) concerto spettacolo The Blues Band And The Groovy Girls: dalla Louisiana a Chicago, alla scoperta del blues: origini ed evoluzioni, star e artisti misconosciuti, aneddoti e tutto quanto ha contribuito a forgiare la “musica del diavolo”. Si accede ai concerti con un contributo di 12 euro, comprendente degustazione di prodotti tipici del territorio. Ingresso soci Acsi.

LASTRA A SIGNA (FI)

Appuntamenti per il Maggio Metropolitano coi Professori dell’Orchestra del Maggio domenica 29 alle 17 al Museo Villa Caruso (Via di Bellosguardo 54) di Lastra a Signa: Pietro Horvath, violino, Luigi Papagni, violino, Donatella Ballo, viola, Renato Insinna, violoncello, Giulia Tamarri, soprano, Carlo Messeri, tenore, eseguono Pietro Mascagni, Intermezzo da Cavalleria Rusticana per quartetto d’archi; Giacomo Puccini, “Firenze è come un albero fiorito” da Gianni Schicchi, “Vissi d’arte” da Tosca, “Donna non vidi mai” da Manon Lescaut, “O mio babbino caro” da Gianni Schicchi, Crisantemi, elegia per quartetto d’archi, “Che gelida manina” da La bohème, “Si, mi chiamano Mimì” da La bohème; Ruggero Leoncavallo, “Vesti la giubba” da Pagliacci; Giuseppe Verdi, Intermezzo da La traviata; Giacomo Puccini, “Nessun dorma” da Turandot; Giuseppe Verdi, “Libiamo ne’ lieti calici” da La traviata. Ingresso libero.

SESTO FIORENTINO

Al Teatro della Limonaia di Sesto Fno (via Gramsci 426) domenica 29 alle 21 «I Wanna Be a Cowboy (primo studio)», regia Iacopo Reggioli, con Andrea Bocelli e Federico Valeri; alle 22.45 Migrazioni#studiouno, un progetto di Edoardo Zucchetti, con Filippo Lai e Alessio Martinoli, foto Marco Borrelli. Ingresso 8 euro.

CASTELFIORENTINO

Per il Maggio Metropolitano i Professori dell’Orchestra del Maggio Leonardo Matucci, violino, Carmela Panariello, violino, Andrea Pani, viola, Wiktor Jasman, violoncello domenica 29 alle 17, alla Villa di Meleto (Via di Meleto, 19) a Castelfiorentino, suonano il Quartetto milanese n. 4 in do maggiore, K. 157 di Wolfgang Amadeus Mozart e il Quartetto n. 4 in do minore, op. 18 di Ludwig van Beethoven

VIVAIO – FIGLINE VALDARNO (FI)

Alla Chiesa dei Santi Cosma e Damiano al Vivaio (via S. Francesco D’Assisi), nel Comune di Figline e Incisa Valdarno, Nicola Mazzanti, flauto, Giacomo Rafanelli, violino, Antonio Pavani, viola, Beatrice Guarducci, violoncello, tutti Professori dell’Orchestra del Maggio, procedono all’esecuzione integrale dei quartetti con flauto di Wolfgang Amadeus Mozart: Quartetto in do maggiore, K. 171 (K. 285b), Quartetto in la maggiore, K. 298, Quartetto in sol maggiore, K. 285a, Quartetto in re maggiore, K. 285. Nell’ambito del Maggio Metropolitano, a ingresso libero.

SIENA

A Siena XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano, anche a misura di bambino. Sabato 28 alle ore 10 ai Giardini della Lizza fasceggiata tra i rioni con i bimbi in fascia o in passeggino tra i rioni della città con arrivo in Piazza del Campo. Dalle ore 10 alle ore 18 nel Cortile del Podestà laboratorio creativo dedicato a Pinocchio, col buon Geppetto che, pedalando, azionerà il tornio con cui si lavora il legno per fabbricare giocattoli. Alle 15 in Piazza del Campo itinerario dedicato alle origini e all’evoluzione dello sport, dei giochi e dei passatempi senesi per scoprire la storia delle discipline sportive praticate ancora oggi nel mondo attraverso le tracce lasciate nel centro storico. Domenica 29 anteprima di A Piccoli Passi: gli itinerari a misura di bambino per conoscere, riconoscere ed esplorare la città. Appuntamento alle ore 11 in Piazza del Campo per partecipare al tour gratuito delle guide Federagit, Centro Guide e AGT. Dalle 15 alle 18.30 ai Giardini de La Lizza città in miniatura, dove i bambini potranno conoscere, attraverso un gioco di ruolo, le più importanti strutture di una città moderna; sarà allestito anche un angolo con merenda offerta da McDonald’s (frutta di stagione, carote, Parmigiano Reggiano e acqua). Info assessorato al turismo 0577 292128/78 oppure www.trekkingurbano.info

PISA

Al Teatro Verdi di Pisa (Via Palestro, 40) sabato 28 ottobre alle 21, a conclusione del Festival dell’Innovazione in Sanità Pubblica (Pisa 25 / 28 ottobre), la Compagnia Teatri della Resistenza presenta «Adulti e vaccinati. Io non credo nella Scienza», spettacolo di intrattenimento e divulgazione scientifica da un’idea di Pier Luigi Lopalco, regia di Dario Focardi, testi di Dario Focardi, Pietro Luigi Lopalco, Lavinia Zezza, interpretato da Iacopo Bertoni, Dario Focardi, Federico Raffaelli, Lavinia Zezza. Ingresso libero.

CASCINA (PI)

A La Città del Teatro (Via Tosco-Romagnola, 656 Cascina) sabato 28 e domenica 29 alle 21 andrà in scena «Uno, nessuno, centomila» di Pirandello, adattamento di Giuseppe Manfridi, diretto da Antonio Salines. Con lui in scena nella parte del protagonista, anche Livia Castellana e Martina Benedetti. Dettagli su cittadelteatro.com

CARRARA

Dopo un tour nazionale nelle principali città Italiane, il Festival dell’Oriente rientra a Carrara, suo luogo di origine. Nei giorni 28-29 ottobre, 1 novembre e 4 e 5 novembre dalle 10.30 alle 22.30 presso CarraraFiere, il pubblico potrà immergersi nella magia, nel fascino e nella bellezza dell’Oriente. Viaggi virtuali in decine di Paesi; varie attività d’intrattenimento. Info festivaldelloriente.it

 

 

Firenze, maggio musicale fiorentino, Musica, sport, Teatro, Toscana, week end

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741