Skip to main content
Nel futuro delle Pmi ci sono i minibond

Imprese: con le nuove regole per le Pmi in arrivo nuovo balzello da mezzo miliardo. La denuncia della Cgia di Mestre

Nel futuro delle Pmi ci sono i minibond

MESTRE – Con l’approvazione della legge delega su La riforma della disciplina della crisi di impresa e dell’insolvenza, saranno circa 133.000 le società a responsabilità limitata (Srl) presenti in Italia che dovranno dotarsi di un organo di controllo collegiale o, in alternativa, di un revisore legale dei conti. «Questo nuovo adempimento, secondo una stima realizzata dalla Cgia, costerà a queste piccole imprese almeno mezzo miliardo di euro l’anno – denuncia il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo. – Dopo aver deciso di rinviare di un anno – prosegue – sia l’entrata in vigore dell’Iri, vale a dire la nuova imposta che avrebbe consentito alle società in nome collettivo di beneficiare di un’aliquota sui redditi del 24 per cento, sia l’abolizione degli studi di settore, arriva a sorpresa questo nuovo balzello che, mediamente, costerà a ciascuna impresa interessata almeno 3.500 euro circa ogni anno. Lombardia e Veneto – conclude Zabeo – saranno le regioni più colpite, visto che in queste aree risiede quasi il 33% del totale delle piccole imprese interessate da questa nuova stangata. Pertanto, invitiamo i Governatori Maroni e Zaia a sollevare anche questa questione nella trattativa per l’autonomia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741