L'intervento della squadra mobile

Prato: incendio in cucina. Ma non fa entrare i pompieri: nascondeva droga. Arrestato

di Redazione - - Cronaca

L'arresto è stato effettuato dalla Squadra Mobile di FirenzePRATO – Hanno dato l’allarme per un principio di incendio nella cucina di un monolocale, ma l’uomo che era in casa, un nigeriano di 18 anni,  non fa entrare i vigili del fuoco in casa. Motivo? Nascondeva eroina. Il giovane è stato arrestato. Ed ecco il fatto: un equipaggio delle volanti della squadra mobile della questura è stato inviato in vicolo de’ Manassei, nel centro storico di Prato, in aiuto a una squadra dei pompieri che, intervenuta per le fiamme nell’appartamento occupato da un giovane africano, stava incontrando difficoltà ad accedere nella casa.

Era proprio lo straniero a impedire ai vigili del fuoco di entrare, bloccando la porta. Così la polizia ha fatto irruzione nell’abitazione, consentendo ai pompieri di spegnere l’incendio. Gli agenti hanno poi identificato il giovane, un diciottenne nigeriano, regolare in Italia in quanto richiedente protezione internazionale. Ma durante la perquisizione, nel terrazzino, nascosti sopra una pila di scatole da scarpe, i poliziotti hanno trovato 31 involucri termosaldati che contenevano 21,9 grammi di eroina, nonché materiale per il confezionamento delle dosi. All’interno del forno della cucina è stato trovato denaro contante 1.465 euro, anche questo sequestrato quale verosimile provento di attività illecita. Il giovane nigeriano è stato portato in questura, dove è stato arrestato nella flagranza del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.