Skip to main content
L'orchestra del Maggio Musicale fiorentino

Firenze: al Teatro del Maggio la Seconda di Šostakovič e il «Requiem» di Mozart

coro-del-maggio-musicale-fiorentino
Il Coro del Maggio Musicale Fiorentino

FIRENZE – Al Teatro del Maggio l’Orchestra e il coro del Maggio Musicale Fiorentino saranno schierati sotto la bacchetta di Leonardo García Alarcón per il decimo concerto del ciclo integrale delle sinfonie di Dmitrij Šostakovič, che comprende anche il popolarissimo Requiem di Mozart e, udite udite, avrà ben due date, Venerdì 2 marzo, alle ore 20, e domenica 4 marzo, alle ore 16.30. Un dettaglio che una volta era abituale (i concerti delle repliche ne avevano anche quattro), ma da tempo non più.

Il programma si apre con il «Requiem» mozartiano, capolavoro sacro che è anche l’ultimo titolo del catalogo del compositore, morto a soli 35 anni lasciandolo incompiuto. Non sappiamo se sia vero che Mozart avesse detto di comporlo per se stesso; di fatto è significativo che un frammento ne venisse eseguito a una cerimonia funebre a Vienna pochi giorni dopo la scomparsa del compositore. Il formarsi di una mitologia intorno al Requiem nasce da questa coincidenza: un lavoro funebre e morte prematura, per lungo tempo avvertita come misterioso segno del destino.

Come cantanti solisti, in questa esecuzione ci sono i giovani dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino: Francesca Longari, Cecilia Gaetani, Manuel Amati e Adriano Gramigni.

Si continua con il Concerto grosso di Giorgio Federico Ghedini, per cinque fiati e archi, del 1927. Questo lavoro è contiguo alla prima riconosciuta riuscita compositiva del compositore piemontese (1892-1965) con la Partita per orchestra, del 1926. Nel complesso si tratta di una composizione che mostra come il giovane Ghedini, insegnante di composizione al Conservatorio di Torino, abbia assimilato dalla vivacità della vita musicale di quella città, una tecnica compositiva di prim’ordine, che lo sorreggerà negli esiti sinfonici che lo resero famoso: Architetture, del 1940, e il Concerto dell’albatro (1945).

In conclusione la Sinfonia n. 2 in si maggiore op. 14, All’Ottobre di Dmitrij Šostakovič: pagina molto diversa dalla prima, e non solo perché è in un solo movimento, ma perché lontana dalla tradizione romantica russa e ispirata a musicisti come Stravinskij, Prokof’ev, Křenek e Hindemith. Si tratta di una poderosa sintesi di sperimentalismo musicale atematico e monumentale canto corale di massa: una partitura che mima, col suo caos armonico, una scalata dalle tenebre alla luce. Indipendentemente dai giudizi di valore che si possono formulare su quest’opera giovanile, essa è indubbiamente un documento di straordinaria importanza storica, un monumento musicale del suo tempo.

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Piazzale Vittorio Gui, 1)

Venerdì 2 marzo, alle ore 20, e domenica 4 marzo, alle ore 16.30

Wolfgang Amadeus Mozart, Requiem in re minore K. 626 per soli, coro e orchestra (Requiem aeternam/Kyrie/Dies irae/Tuba mirum/Rex tremendae/Recordare, Jesu pie/ Confutatis maledictis/Lacrimosa/Amen (completamento di Richard Maunder)/Domine Jesu/Hostias/Lux aeterna)

Giorgio Federico Ghedini, Concerto grosso in fa maggiore per quintetto di fiati e archi (Largo. Allegro con brio/Andante moderato/Allegro mosso ed energico/Adagio/Allegro spiritoso “alla giga”)

Dmitrij Šostakovič, Sinfonia n. 2 in si maggiore op. 14 All’Ottobre per coro e orchestra (Largo. Poco meno mosso. Coro All’Ottobre)

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino, Direttore Leonardo García Alarcón, Maestro del Coro Lorenzo Fratini

Soprano Francesca Longari, Mezzosoprano Cecilia Gaetani, Tenore Manuel Amati, Basso Adriano Gramigni

Platea 1: € 35/ Platea 2:€ 30/Platea 3: € 25/ Platea 4: € 20/ Palchi: € 18/ Galleria: € 15/ Visibilità limitata: € 10/ Solo ascolto: € 5

La biglietteria è aperta dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18, ma si può acquistare online senza sovrapprezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741