Contraffazione carte identità: l’Italia al secondo posto in Europa, dopo la Romania

ROMA – Uno studio di Frontex pone l’Italia al secondo posto (752), preceduta dalla Romania (775), e seguita dalla Grecia (636) per il fenomeno delle carte d’identità contraffatte. Il Belpaese è quindi fra i primi tre paesi dell’Unione europea, in ottima compagnia. Lo studio è stato pubblicato in occasione della presentazione di una serie di proposte della Commissione Ue per una nuova stretta sulla sicurezza, proprio a partire dall’introduzione di carte di identità più sicure: il costo per l’Italia, per arrivarci in 5 anni, è stimato in 157milioni.

L’Italia conquista invece la maglia nera quanto a documenti di identità in bianco rubati (816). Al secondo posto c’è la Francia (26), e terza è la Polonia (7). Ed è sempre l’Italia (367) a conquistare il podio più alto, per la sostituzione delle foto sul documento di identità. Seguono Grecia (185) e Francia (45).

Inoltre, stando alla valutazione di Frontex, Italia, Francia e Grecia, sono gli unici tre Paesi nell’Unione ad emettere documenti di identità ancora privi di un’area leggibile agli scanner, contrariamente, tra l’altro, a quanto previsto dall’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (Icao). Nella sua analisi del rischio per il 2017 Frontex ha sottolineato come le carte di identità col minor numero di requisiti di sicurezza siano a maggior rischio di frode, in particolare quelle di Italia, Grecia, Romania e Bulgaria. un primato di cui dobbiamo sicuramente ritenerci orgogliosi!

carta, contraffatta. italia, identità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080