Gli effetti dell'azione degli ultimi governi

Banche: in 8 anni sono spariti 44.000 posti di lavoro. Una percentuale doppia al Sud

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

MILANO – Non si arresta l’emorragia occupazionale nelle banche italiane. In 8 anni il conto è salatissimo con 44mila posti di lavoro andati in fumo, di cui 13.500 solo nel 2017. Alla fine del 2009 i bancari erano più di 330 mila, nel 2017 sono scesi quasi a 286 mila. Il dato emerge da un’analisi dell’ufficio studi di First Cisl. “Al Nord abbiamo perso un addetto su 10, al Sud quasi 2 su 10”, denuncia il segretario generale, Giulio Romani che sottolinea come siano “maturi” i “tempi per una riforma che tuteli il risparmio, il lavoro e che rilanci l’occupazione”.

Gli interventi dei governi da Monti fino a Renzi e Gentiloni sono valsi a salvare i banchieri, ma hanno affossato risparmiatori e dipendenti.

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: