Questo l'effetto delle leggi e delle teorie progressiste

Firenze: spari nella notte, denunciato 41enne, ora ricoverato nel reparto di psichiatria. Aveva in casa un arsenale

di Redazione - - Cronaca

Automobile Polizia di Stato

FIRENZE – Gli spari nella notte hanno svegliato i vicini e fatto temere il peggio. Invece, con l’arrivo delle volanti, la paura è passata anche se un fiorentino, 41 anni, che in casa aveva un vero e proprio arsenale, è stato denunciato prima di essere consegnato nelle mani dei sanitari del 118 che lo hanno trasportato all’ospedale di Santa Maria Nuova dove ora si trova ricoverato nel reparto di psichiatria. E’ successo intorno alle 4.30, nella zona di viale
don Minzoni a Firenze. All’uomo sono state sequestrate le armi, fucili e carabine regolarmente detenute, e alcune armi bianche trovate durante la perquisizione nell’abitazione.  L’allarme al 113 lo hanno dato i vicini. L’uomo aveva esploso due colpi di fucile nella casa, dove vive da solo. All’arrivo degli agenti non ha opposto resistenza. Sul posto è arrivata la madre che ha confermato che l’uomo è sotto cura da circa 4 anni. All’ospedale è stato sottoposto a ulteriori analisi anche per verificare se fosse sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Questo l’effetto delle leggi progressiste che da Basaglia in poi hanno consegnato i malati di mente ai servizi psichiatrici che non sono in grado di controllarli. Nessuno di questi servizi ha mai comunicato la situazione del soggetto alla polizia, in modo che si potesse verificare se una persona del genere fosse in possesso di armi? Cosa che è avvenuta troppo tardi, ma per fortuna prima che il soggetto potesse far danni, non certo per colpa sua. Viviamo nel paese del bengodi per migranti, delinquenti e non sappiamo intervenire adeguatamente neppure in casi di disturbi mentali. Il buonismo, ma soprattutto l’incoscienza e il menefreghismo imperano, purtroppo.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.