basta una circolare a placare l'ira funesta di alcuni sindaci

Sicurezza e immigrazione: incontro Conte – Anci, chiarimenti con circolare ministeriale, decreto Salvini non cambia

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

palazzo-chigi

Palazzo Chigi

ROMA – Proficuo incontro fra Anci e Premier Conte sul tema del decreto sicurezza e immigrazione, pesantemente criticato dal alcuni sindaci, che evidentemente non avevano letto o interpretato bene le norme, né avevano consultato il sito del Ministero dell’interno, dove già erano pubblicate molte delle spiegazioni richieste. Bastava esplicitarle con una circolare ministeriale e il gioco era fatto. Il Ministro Salvini si è rifiutato di partecipare, ma ha mandato funzionari del Ministero. Conte alla fine afferma che è stata trovata la quadra:

Un incontro non si nega a nessuno’, taglia corto Salvini mentre Conte esclude distinguo nel governo e aggiunge: ‘Le presunte criticità sono o superate nel corso del colloquio, o superate nelle informative, o al più in semplici circolari. I sindaci non hanno dubbi di costituzionalità sul decreto’. Il presidente dell’Anci De Caro afferma che ‘il governo predisporrà circolari esplicative di integrazione delle norme criticate’.

«Se l’Anci chiede un incontro il premier lo accetta ben volentieri: non c’è alcun distinguo o alcuna diversità. Le presunte criticità sono o superate nel corso del colloquio, o superate nelle informative, o al più in semplici circolari. C’è stata qualche preoccupazione. Ci può stare, ma dialogando si dimostra che è chiaro che non ce n’è motivo. Poi c’è sempre una sperimentazione e se c’è criticità avremo strumenti per valutarli. Abbiamo convenuto nel corso dell’incontro con l’Anci delle varie questioni, il decreto sicurezza è molto chiaro sul punto, si tratta a questo punto – nel caso – di intervenire per chiarire qualcosa che però è già chiaro, come sui servizi sanitari, per i quali l’elemento per usufruirne è l’ultimo domicilio.

«Mi sembra di aver capito che non c’è stata alcuna rimostranza nella delegazione dell’Anci rispetto ai contenuti del decreto. Sono stati aiutati a capire cosa c’è nel decreto che era e rimane esattamente ciò che è. Se poi dieci sindaci su 8mila hanno bisogno di ulteriori chiarimenti glieli daremo» afferma il vicepremier Matteo Salvini in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Sono state accolte in parte dal governo le richieste presentate dai sindaci in tema di legge sulla sicurezza: lo ha confermato anche il presidente dell’Anci Antonio Decaro al termine dell’incontro con il presidente del consiglio Giuseppe Conte. «Il governo predisporrà circolari esplicative di integrazione delle norme criticate da parte dei sindaci. Abbiamo chiesto interpretazioni sul merito e ora ci sarà un confronto di tipo tecnico», ha aggiunto.

Che diranno adesso i rivoltosi Leoluca Orlando e Luigi De Magistris? E’ bene si mettano l’animo in pace e pensino piuttosto ai gravi problemi delle loro città.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.