L'intervento dei carabinieri

Prato: Rambo, rapinatore seriale, torna in carcere per scontare la condanna

PRATO – E’ stato nuovamente arrestato un pensionato pratese di 66 anni che, quattro anni fa, fu protagonista di una rapina all’ufficio postale di Montevarchi (Arezzo). Rapina che lui, a quanto pare, avrebbe compiuto con lo scopo preciso di farsi rimettere in carcere. Nei giorni scorsi, a San Giovanni Valdarno, i carabinieri di Prato lo hanno prelevato per scontare una pena a 1 anno e 7 mesi di reclusione a seguito di una sentenza del tribunale di Arezzo, che lo aveva condannato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere e per violazione degli obblighi sulla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. L’uomo si trova adesso in carcere ad Arezzo.

Il pensionato sarebbe noto con il soprannome di Rambo. Nel 2013 era uscito di prigione, dopo aver scontato l’ultima pena, ma le
sue difficoltà di vivere la quotidianità e riadattarsi senza la routine carceraria che lo aveva accompagnato negli anni precedenti, avrebbero prevalso sulla possibilità di rifarsi una vita. Così si era presentato alle Poste a volto scoperto, con la speranza di essere arrestato e riportato in prigione. Ai carabinieri e al giudice che si occuparono delle indagini, lo ammise con franchezza. Sorvegliato speciale, diverse volte è stato affidato a comunità terapeutiche ma poi non ha rispettato gli obblighi ed è tornato in carcere.

Intanto però ha commesso nuovi delitti. Ma è stata la platealità dei suoi gesti, ad accrescerne la notorietà. Nel 2011 nel reparto di medicina dell’ospedale di Prato, si era cosparso di alcol minacciando di darsi fuoco. Anni prima, armato di pistola, commise una rapina al Conad di via Roma, sempre a Prato, per poi scappare con un complice su una moto di grossa cilindrata; da pochi giorni gli
era stato sospeso un altro ordine di carcerazione per motivi di salute. Un’altra volta commise una rapina travestito da tenente
dei carabinieri e per evitare l’arresto si lanciò dal quarto piano di un palazzo. Negli anni ha collezionato numerose condanne, tra cui quelle per sequestro di persona, rapine, furti, detenzione di armi, truffa.

arezzo, carabinieri, prato, Rambo, rapinatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080